Utente
Buongiorno,
Circa 11 gg fa, mettendo a posto in un mobile, ho urtato (sollevando la testa) con la parte centrale della testa sotto la parte ad angolo di una mensola.

Ho sentito molto dolore, ma la cosa è finita lì e ho proseguito la mia giornata.

In serata ho visto che mi ero ferita in testa e mi era uscito anche un po’ di sangue, ma nessun ematoma o rigonfiamento.

Il giorno dopo mi faceva molto male tutta la zona, anche se solo toccavo i capelli, ma alla fine null’altro.

Invece da 2 gg a questa parte ho accusato un senso di spossatezza e mal di testa (di all’altezza della fronte che dietro la nuca), ma in ogni caso dolenzia generalizzata.
Nel contempo, in questi due gg, mi sono esposta ad un clima molto caldo (40 gradi) per una mezz’ora... e penso che anche questo possa aver influito sul mio malessere.
Sta di fatto, che ieri sono stata in casa (con aria condizionata) e non ho avuto mal di testa, ma (come ancora oggi) la testa è come fosse sensibile... sento come un dolore sordo dopo quello acuto, non mal di testa... senso un po’ di pesantezza, di intontimento... ma potrebbe essere collegato alla botta presa giorni prima?

Sono preoccupata perché non li trovo in Italia, e forse avrei preferito vedere il classico bubbone per essere certa che un eventuale ematoma si fosse formato fuori la scatola cranica.
Mi sembra incredibile però, come da ferma si può dire, solo sollevando la testa sia possibile che mi sia creata un danno importante; però comunque i fastidì li ho.

Grazie mille.

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
tenendo ovviamente presente la difficoltà di un consulto a distanza in un caso del genere, tuttavia posso solo rassicurarla che il cuoio capelluto, essendo fittamente innervato, resta dolente per molti giorni a seguito di una lesione contusiva per altro accompagnata da una modesta lacero-contusione. Il trauma da lei riportato non è stato seguito da perdita neppure fugace dello stato di coscienza, ossia non si è verificata alcuna commozione cerebrale. Essendo lei un soggetto giovane è difficilmente ipotizzabile che possa essersi prodotto un ematoma sub-durale, che è caratteristico del soggetto di età avanzata. Ad ogni modo, se al decorrere della seconda settimana dopo l'occorrenza del trauma dovesse lamentare cefalea e non un semplice indolenzimento nel punto di impatto traumatico, potrebbe essere consigliabile eseguite un TC-cranio.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille, Dottore.
A maggior ragione perché mi trovo fuori Italia e col problema del Covid, eviterei di andare in ospedale, quindi attenderò come consigliato.
Oggi sto ancora meglio, solo a tratti ho avuto qualche disturbo.. un po’ come senso di compressione generale e un po’ come lievissimo dolore. La ferita ha ormai fatto una crosticina spessa, che se Tocco mi procura un po’ di dolore. Sono preoccupata perché in vita mia non ho mai sofferto di mal di testa.
Comunque mi trovo in un posto dove sono costretta a tenere accesa l’aria condizionata giorno e notte, e c’è una umidità al 10%, penso che tutto questo possa concorrere al mio malessere.
Grazie infinite per il suo aiuto.

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Sono contento di averla tranquillizzata.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it