Utente
Cari Dottori e care Dottoresse,
Scrivo per avere un vostro parere sul mio stato di salute.
Tutto e` iniziato quattro mesi fa, con fascicolazioni alle gambe per tre sere di fila per non più di una ventina di minuti, infiammazioni ricorrenti gola e orecchie, acufeni, vertigini.
A questi sintomi e` seguito un periodo tranquillo di circa due settimane poi tutto e` ricominciato con in aggiunta nuovi sintomi: movimento involontario del pollice, formicolii a mani e piedi, sensazione di punture di spilli sulla pelle e dolori migranti in tutto il corpo, risvegli di notte con un braccio o una gamba intorpiditi e fitte alla cervicale con sensazione di spilli nella parte posteriore del cranio.
Nuovo periodo senza malesseri e di nuovo da capo con nuovi sintomi ancora: sensazione di bruciore in alcune parti del viso e di tremore ad una palpebra.
In tutto questo tempo nei periodi di riacutizzazione dei sintomi la mia temperatura corporea e` molto bassa, un giorno e` arrivata anche a 33, 73.
Ho fatto una prima visita reumatologica, mi e` stata diagnosticata la fibromialgia ma senza approfondimento di esami che escludessero altre patologie.
Inoltre i dolori migranti che provo in diverse parti del corpo, vanno e vengono e non sono eccessivamente forti, ne`li sento se vengono pressate le parti del corpo in cui di solito sono presenti, infatti durante le visite reumatologiche non ho provato dolore quando venivano toccati i cosiddetti tender points.
Ho fatto una seconda visita, mi e` stato consigliato di fare gli esami più svariati e li sto facendo.
Vorrei sapere da voi di cosa potrebbe trattarsi, se invece di una malattia reumatologica potrebbe essere di natura neurologica e se potrebbe trattarsi di sclerosi multipla.

Scusate per la lunghezza del testo e un saluto cordiale!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

i vari sintomi esposti non indicano una possibile malattia demielinizzante se non sono continuativi, si parla di diversi giorni. Inoltre la loro molteplicità tenderebbe ad escludere la SM che esordisce con un solo sintomo persistente.
L’ipotesi fibromialgica è possibile, oggi, con la revisione delle linee guida sulla malattia non è indispensabile avere i famosi 11 tender points positivi.
Comunque aspetti l’esito degli esami prescritti.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Molte grazie per la risposta!

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
Scrivo perché ho ritirato l'esito degli esami di laboratorio consigliati, risultano alterati quelli relativi alle Igm che sono lievemente alte e C4 valore basso. Questi valori possono spiegare i miei sintomi?
La ringrazio molto per la sua disponibilità.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

teoricamente i valori menzionati potrebbero giustificare una parte della sintomatologia riferita, in pratica però vanno valutati nel complesso del quadro clinico per cui deve fare visionare gli esami al reumatologo che li ha richiesti.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Di nuovo molte grazie!

[#7] dopo  
Utente
Caro Dottor Ferraloro,
Torno a scriverle perché svolgendo i vari esami consigliati dallo specialista in reumatologia, si ipotizza un ipoparatiroidismo.
Secondo lei è possibile che i sintomi che accuso ormai da mesi siano dovuti a questa condizione?

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

gli spasmi muscolari, i dolori e le parestesie possono essere compatibili con una condizione di ipoparatiroidismo, ovviamente come informazione generale, non posso sapere il Suo caso specifico, ritengo che abbia fatto anche il dosaggio del paratormone.
Vista questa ipotesi, dovrebbe rivolgersi ad un endocrinologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente
Grazie mille Dottore!