Utente
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 25 anni, nessun problema di salute, ultime analisi complete fatte a dicembre 2019 che hanno evidenziato solo ematocrito 50, 4% a detta del mio medico curante causato dal mio essere un medio/forte fumatore (colgo l'occasione per comunicarvi che da allora ho smesso di fumare).

Sono anche un soggetto ansioso ed è dai 18 anni che soffro di attacchi di panico più o meno frequenti.

Oltre ciò, soffro di emicrania con aura da circa 3 anni.

Negli ultimi 7 mesi mi sono capitati 3 episodi, tutti coi medesimi sintomi: allargamento progressivo di una "corona" dai bordi sfocati che parte dal centro della vista e che poi scompare dopo circa 15/20 minuti.
Il tutto seguito da un più o meno leggero mal di testa pulsante monolaterale.

Fortunatamente, rispetto a varie esperienze di altri utenti lette sul vostro sito, il tutto non mi desta particolari impedimenti dal momento che riesco comunque a vedere abbastanza bene durante la durata dell'evento e il mal di testa che lo segue è sopportabilissimo.


Unica cosa che mi desta dubbi e curiosità è il fatto che questi episodi di emicrania si siano verificati sempre nel mio luogo di lavoro, un negozio in cui l'illuminazione è composta da luci a led e lampade alogene bianche ad altissima intensità.
Pensandoci, gli episodi di emicrania si sono presentati da quando lavoro stabilmente qui.


Potrebbero essere in qualche modo questo tipo di luci responsabili dell'inizio del mio disturbo?


Cordiali saluti,

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

l’emicrania con aura è una cefalea primaria, cioè senza causa nota, tuttavia alcuni soggetti riescono ad identificare dei fattori scatenanti.
Le luci intense di cui parla potrebbero essere teoricamente un fattore scatenante, non lo possiamo escludere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
Grazie per la rapida risposta.

Vorrei anche chiederle se, sempre in ambito cefalea con aura, il consumo di caffè possa influenzare in qualche modo il corso del disturbo.
Ho sempre bevuto 3/4/5 caffè al giorno e ho letto che superando i 2 al giorno si rischia di amplificare gli episodi.

Lei che ne pensa?

Cordiali saluti,

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
È possibile che l'eccessivo consumo di caffeina, che ha un’azione eccitante sul cervello, possa essere un altro fattore scatenante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro