Utente
Anticipo che ho sofferto per anni da crisi di natura epilettica, trattate con Tegetrol RM.
L'ultimo referto EEG recita:
"ritmo di fondo alfa di basso voltaggio, simmetrica, bilateralmente parzialmente reagente.
Intercisa attività Theta talora a morfologia puntuta, localizzata in sede pronto temporale bilaterale di possibile significato irritato.

Intercisa comparsa di movimenti ritmici oculari con dubbio correlato EEG.


Prove di Attivazione

Iperpnea e SLI senza effetti

giudizio conclusivo e diagnosi
Anomalie lente e puntute in sede anteriore di possibile significato irritato; attività di fondo scarsamente modulata"

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

l’EEG ha messo in evidenza delle anomalie di possibile significato epilettico.
Lei è ancora in terapia con Tegretol? Da quanto tempo non ha più crisi?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo dottore. No, non sono più in terapia con il tegretol da quasi un anno in quanto, a causa di rilevanti problemi di natura personale ho dovuto cambiare città.
l'ultima crisi l'ho avuta 20 giorni fa, ma di tale rilevanza che sono stata portata al p.s. con autoambulanza.
Accuso però spesso forti mal di testa, nervosismo, scarsissimo sonno con episodi di perdita di coscienza nei momenti di tensione.
Mi scuso ma nel testo del quesito principale ho sbagliato s scrivere. la parola "irritato" andrebbe sostituita con "irritativo"

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

avevo capito che il termine fosse "irritativo".
Comunque è indicata senz’altro una terapia, si rivolga tempestivamente ad un epilettologo che valuterà il caso.
Consideri che la privazione di sonno è uno dei più frequenti fattori scatenanti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro