Utente
Buonasera, sono una ragazza di 36 anni e vorrei delucidazioni circa un esame che eseguirò a breve.
Si tratta di ANGIO RM SENZA MDC che mi è stata prescritta dall’otorino a seguito di acufene pulsante orecchio SX.
Questo sintomo è comparso per la prima volta a novembre 2017.
Qualche mese prima (maggio 2017) ho eseguito una RM ENCEFALO SENZA MDC per indagare su alcuni episodi di vertigine e sbandamenti.
L’esito della RM ENCEFALO è stato negativo.
Siccome la risonanza è stata eseguita poco prima della comparsa delle pulsazioni, posso essere tranquilla nell’escludere alcune patologie più gravi?
In realtà in questi anni è stato un fastidio altalenante ma adesso è più presente sopratutto quando vado a dormire e lo avverto nel silenzio appoggiando l’orecchio sul cuscino.
L’otorino mi ha prescritto ANGIO RM per farmi stare più tranquilla dal momento che la sua visita è stata negativa (timpanogramma, audiometria e impedenziometria).
Mi chiedevo se ci fossero stati aneurismi si sarebbero visti nella RM del 2017?
Aggiungo anche che convivo sempre dal 2017 con forti scrosci articolari del collo (RM ha evidenziato perdita totale della
Lordosi) , con scricchiolii, crepitìi nelle orecchie all’atto della deglutizione e con un fischio nell’orecchio sempre sinistro (lo stesso che pulsa)

Grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se la RM encefalica è stata effettuata poco tempo prima della comparsa dell'acufene ragionevolmente non dovrebbero esserci problematiche importanti.
Un aneurisma voluminoso è visibile anche alla RM di base, quelli piccoli possono sfuggire.
"crepitìi nelle orecchie all’atto della deglutizione" potrebbe essere un sintomo di disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare.
Ritengo che possa fare serenamente l'angio-RM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Va bene dottore grazie mille. È che subito dopo aver effettuato la RM ENCEFALO nel 2017 è comparso l’acufene e l’ho notato per caso perché mi sono piegata per allacciare le scarpe..da allora la sua prensenza è aumentata progressivamente, adesso H24 ( in concomitanza però sono aumentati anche scricchiolii crepitii nelle orecchie, muchi nei seni paranasali evidenziati con la TAC). Ma ho letto che l’acufene pulsante è legato a patologie vascolari più o meno serie.. speriamo bene! La terrò informato

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Bene, mi faccia sapere eventuali sviluppi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Salve dottore. L’angio RM celebrale non ha rilevato nulla di particolare. Tutto nella norma. Tuttavia questa pulsazione e il fischio dell’orecchio sinistro sono sempre più presenti. Ci sono altre indagini che si potrebbero effettuare ? Ricordo che contestualmente si son accentuati gli scosci articolari del collo..2 anni fa per questi rumori feci una RM del tronco ma l’unica evidenza che emerse fu una perdita totale della lordosi..

Grazie mille!

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mi fa piacere l'esito negativo dell'Angio-RM dei vasi intracranici.
Lei scrive "con scricchiolii, crepitii nelle orecchie all'atto della deglutizione e con un fischio nell'orecchio sempre sinistro" sentirei un dentista esperto in disfunzione dell'articolazione temporo-mandibolare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Si dottore infatti ho recentemente sentito uno gnatologo e a breve dovrei mettere un bite.

Il neurochirurgo da cui sono stata recentemente e che mi segue per gli scricchiolii cervicali mi ha consigliato di fare comunque un RM delle ricche petrose per escludere patologie del nervo acustico relativamente ad acufene ed acufene pulsante. Ha valutato la mia capacità uditiva con una sorta di diapason ed è emerso che il lato sinistro sente un po’ meno..tuttavia dalla visita ORL fatta a luglio non è emerso nulla di tutto ciò e con strumenti più sofisticati. Lui mi diceva che dobbiamo escludere tutto dal momento in cui soffro di acufene vertigini soggettive ..

Lei cosa ne pensa? È proprio necessario? Ho visto che le patologie individuate da questo tipo di risonanza sono tumori.. confesso di essere un po’ in ansia

GraZie

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se l’otorino ha effettuato l'esame audiometrico è questo quello davvero attendibile, il diapason sa molto di soggettivo, stia tranquilla. Se sia necessario effettuare gli esami consigliati dal neurochirurgo non posso saperlo non avendoLa visitata.
Non pensi tumori però.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro