Utente
Buongiorno.
Sono un ragazzo di 20 anni, molto ansioso con un passato di disturbo ossessivo.

Premetto che negli ultimi mesi ho temuto diverse malattie neurologiche e soltanto adesso mi rendo conto che in realtà si trattava solo di paure infondate.

Tuttavia, due mesi fa, in un periodo di relativo benessere iniziai ad avvertire un lieve formicolio alle braccia prima a dx ed a distanza di un giorno a sx: erano presenti formicolii, dolore, punture di spillo.
Il tutto è durato qualche settimana, continuai gli allenamenti (sollevo pesi e mi alleno a corpo libero).
Dopo qualche settimana dall' esordio, inizia ad avvertire una debolezza diffusa prima a dx e poi a sinistra sempre nella stessa zona.
Anche in questo caso, continuai ad allenarmi.
Altri sintomi che accompagnavano la debolezza erano una sorte di tremore nel sorreggere gli oggetti come il telefono.
Mi recai dal curante e mi prescrisse una EMG.

Effettutata l'eng, l'esito fu negativo.
Vi riferisco gli esiti:
VCM sinistro ulnare: nessuna anomalia
VCM sinistro mediano: nessuna anomalia
VCS sinistro: mediano ulnare: nessuna anomalia
VCS destro mediano ulnare: nessuna anomalia.

VCM destro: ulnare nessun.
an.

VCM destro mediano: nessuna an.

Detto ciò, i sintomi a destra sono scomparsi del tutto.
A sinistra invece permane un senso di debolezza, pesantezza.
Non ho deficit motori, riesco a sollevare il braccio interessato, a sorreggere gli oggetti ecc...
Il consiglio del neurologo era quello di prenotare una visita neurologica nel caso in cui il disturbo persistesse dopo l'estate.

Nell' attesa, con i limiti di un consulto a distanza, dovrei preoccuparmi oppure posso aspettare settembre in tranquillità?
Può il tutto essere causato da un intrappolamento dei nervi a livello del braccio?

Grazie, distinti saluti e complimenti per il servizio.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

concordo con quanto detto dal neurologo, può aspettare fino a settembre. Infatti i sintomi descritti sono sensazioni soggettive che potrebbero avere anche un’origine ansiosa.
Non ci pensi e continui a condurre una vita assolutamente normale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio.
In effetti sia il curante ch il neurologo attribuivano tutto all’ansia.
Tuttavia, l’esordio e il fatto che spesso i dolori e le sensazioni aumentavano dopo gli allenamenti mi facevano pensare a qualcosa di organico. Lei, con i limiti di un consulto, cosa pensa? Inoltre erano presenti pure fascicolazioni nel punto in cui presentavo il dolore o la debolezza? Può comunque essere ansia nonostante quanto riportato da me in quest’ultima replica?

Ringrazio

Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe essere ansia, per il resto non è possibile a distanza avanzare ipotesi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio.
Le chiedo soltanto se in base ai sintomi posso escludere malattie del moto neurone come la SLA.

Grazie, la aggiornerò a fine estate.

Cordialità

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

non vedo sintomi che possano fare pensare una malattia del motoneurone.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro