Utente
Salve, ho problemi di tremore da ormai un anno e un mese, il tutto è iniziato a Luglio dell'anno scorso.

Ero in ufficio, il condizionatore non funzionava, 38 gradi all'interno della stanza ed erano le 17:30 c.
ca, avrei dovuto staccare alle 18, una mia collega mi lascia del lavoro in più da fare mentre io non vedevo l'ora di andarmene a casa, ero già parecchio stressato; appena che la collega mi da la notizia comincio a sentire un caldo asfissiante e divento pallidissimo e cominciano a tremarmi le mani.
Al ché un mio collega mi porta un polase e porto a termine la giornata di lavoro.
In quel periodo non ero a casa mia ma con coinquilini che non mi stavano affatto simpatici, il lavoro era parecchio stressante e non mi piaceva affatto (faccio lo stesso lavoro tutt'ora ahimè).
Fatto sta che la sera stessa mi sveglio in preda al panico 2 o 3 volte, questo per diversi giorni.
I muscoli diventano completamente tesi e sentivo spesso tremare la mano, soprattutto la sx che "non sentivo mia" come se non sentissi più gli stimoli a pieno e la presa non era più la stessa.
Comincio a preoccuparmi, vado dal medico il quale, dopo avermi chiesto se la vita che facevo in quel periodo mi piaceva (con mia risposta negativa), mi dice di star tranquillo che è solo stress.

Premetto che sono ipocondriaco e visto il tremore alla mano nel primo periodo pensavo di avere Parkinson o comunque brutte malattie.
Fatto sta che visto il periodo di insorgenza (Luglio/Agosto) mi sono rovinato le ferie estive facendo continuamente complessi su cosa potessi avere.

Ad oggi, a distanza di un anno, i disturbi del sonno sono totalmente spariti, non mi sveglio più durante la notte, sento di nuovo il braccio sx normalmente e non ho alcun tipo di stanchezza se non al mattino appena mi sveglio (ma questo penso sia stato un mio difetto da sempre).
Ciò che però è rimasto è un fastidioso tremore quando metto i muscoli in una determinata posizione, lo sento specialmente nella coscia e nel tronco.
Quando faccio gli addominali soprattutto, se mi fermo in un punto in tensione quasi appena alzato da terra col busto comprare un vistoso tremore, in altre posizioni no.

È possibile che questo stress non vada via 1) perché continuo a fare lo stesso lavoro stressante.
2) perchè continuo a martellarmi pensando di avere malattie gravi (tipo SLA, tumore al cervello).

Oppure dovrei preoccuparmi ed andare a fare delle visite neurologiche?

Ciò che mi fa ben sperare è che le malattie gravi a cui ahimè penso dovrebbero degenerare e non migliorare come invece sto facendo io.
Ad ogni modo quanto può metterci a passare questo stress?
Sempre se si tratta di stress.

Grazie in anticipo e scusate se ho scritto molto ma ho cercato di essere il più specifico possibile.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

oltre lo stress anche l'ansia gioca un ruolo importante nell'insorgenza della sintomatologia descritta.
Infatti pensare malattie come la SLA o tumori cerebrali non ha nessuna correlazione con i sintomi che riferisce.
In alcuni soggetti la tensione muscolare, in determinate posizioni, può causare tremore di una parte del corpo senza che sia considerata patologica.
"perchè continuo a martellarmi pensando di avere malattie gravi (tipo SLA, tumore al cervello)" è un tipico sintomo ansioso, a mio avviso dovrebbe affrontare il problema.
Stia tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Ferrarolo la ringrazio per la celere risposta.
Non so come prendere di petto la situazione, è un po' come se dovessi fare degli esami apposta per avere certezza di non avere patologie gravi.
Al tempo stesso la sua risposta mi tranquillizza molto, se lei non crede che debba fare esami mi trovo già molto più calmo. Cercherò di fare stretching per allungare e sciogliere un po' i muscoli e al tempo stesso cerco di mantenere la calma anche in situazioni complicate così da evitare l'insorgenza di questi sintomi (ieri ho dimenticato di scriverlo ma in situazioni d'ansia la situazione ovviamente peggiora anche se non di molto).
Se avrà piacere la terrò aggiornato, la ringrazio ancora.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
"è un po' come se dovessi fare degli esami apposta per avere certezza di non avere patologie gravi." questa è una tipica condizione ansiosa, quella di fare esami su esami alla ricerca di improbabili patologie.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro