Utente
Buonasera, inizio con il dire che sono una persona fortemente ansiosa ed ipocondriaca e da qualche tempo mi sono comparsi dei sintomi che non mi lasciano più vivere serenamente la vita di tutti i giorni.
Esattamente un anno fa ho iniziato a soffrire di forti giramenti di testa con sensazione di cadere, come se qualcuno mi spingesse prima da una parte e poi dall'altra in presa al panico sono andata al pronto soccorso il quale dopo avermi misurato la pressione, avermi fatto le analisi del sangue, tac alla testa, visita dall'otorino e neurologica tutte negative mi hanno rimandata a casa dicendomi che erano vertigini di origine ansiosa ed accentuate da un pò di pressione bassa.
Dopodiché sono andata dal mio medico che mi ha dato delle compresse chiamate vertigoval per alleviare il sintomo.
Da lì sembrava che le vertigini fossero un pò migliorate, non sparite, ma migliorate.
Ora da circa 15 giorni si sono ripresentate inizialmente in maniera lieve, successivamente io presa dal mio solito panico sono andata a leggere su internet, nel quale ho letto solo sintomi di tumori e a poco a poco i miei sintomi sono peggiorati finché ora ho il terrore di avere un tumore al cervello.
Attualmente i miei sintomi sono giramenti di testa, senso di testa leggera, la sensazione di non riuscire a parlare bene come se mi "inceppassi" con le parole (anche se poi in realtà parlo abbastanza bene), ho continuamente la sensazione di camminare su una nuvoletta con qualcuno che mi spinge da una parte all'altra e mi sento cadere, da qualche giormo ho un dolore come delle fitte che vanno e vengono dietro al collo, sotto alla nuca, ho spesso senso di svenimento soprattutto quando mi sento che mi gira la testa e mi prende il panico e da qualche giorno ho un nuovo sintomo che mi spaventa tanto cioé ho come la sensazione che quando cammino le gambe vanno da sole, ma non vengono controllate da me oltre al fatto che me le sento"molli" come se non mi tenessero, come se non fossero abbastanza forti ed ogni tanto mi capita anche con le mani di avere la sensazione che vanno da sole, ma non sono controllate da me.
Aggiungo che soffro di una forte scoliosi, cifosi e lordosi e qualche giorno fa ho fatto una lastra alla cervicale nel quale è risultato verticalizzazione cervicale e riduzione dello spazio tra la vertebra c3 e c4.
In ogni caso non credo che questo possa essere l'origine delle mie vertigini e dei miei sintomi.
In ogni caso su mia richiesta e contrariamente al volere della mia dottoressa mi ha segnato una risonanza magnetica all'encefalo che a parere della mia dottoressa servirà solo per tranquillizzarmi perchè secondo lei non ce ne era bisogno, che andrò presto a fare, ma mi prende un ansia assurda anche per andare a fare la risonanza perchè ho paura che possa risultare qualcosa.
Ora mi chiedo da cosa possono dipendere tutti questi sintomi che mi fanno stare così tanto male??
Grazie anticipatamente

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

una sintomatologia così varia verosimilmente è di origine ansiosa. Non vedo elementi che possano fare sospettare un tumore cerebrale, questi sono pensieri tipicamente ipocondriaci.
Concordo con la Sua dottoressa riguardo l’utilità terapeutica della RM e La invito ad effettuarla tranquillamente senza eccessive preoccupazioni.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Paziente,
dal suo racconto anamnestico emerge con molta evidenza che lei sia affetta da una somatizzazione dell'ansia, che non esprime certo qualcosa di inesistente, ma unicamente disturbi procurati da una condizione di tensione intra-psichica. Il riferito disturbo dell'equilibrio non richiama alcuna condizione patologica a carico del sistema vestibolo-cerebellare, responsabile della coordinazione negli spostamenti del corpo, ma si identifica piuttosto con la condizione definita come "pseudo-vertigini". Lo stato di tensione, tra l'altro, è espresso anche dall'aspetto del rachide cervicale, che appare rettilineizzato. Esegua anche la Risonanza, ma a questa indagine ne seguiranno altre se non riesce a venir fuori dal suo disturbo da ansia di malattia. Per ultimo, non deve temere alcun tumore a carico del cervello perché sarebbe già stato evidenziato dalla TAC. Il mio suggerimento è che si affidi ad un neurologo che la instradi per la terapia più opportuna.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it