Utente
Buongiorno, sono un ragazzo diabetico di tipo 1 da quando avevo 9 anni, ora ne ho 18.

Premetto che sono un soggetto molto ansioso e anche un po’ ipocondriaco.
Da circa due settimane ho iniziato ad avvertire una specie di formicolio alle gambe che sembra sparire camminando e aumenta stando seduto ancor di più da sdraiato, questo formicolio si è presentato la notte prima di un esame per il quale ero molto teso, passato l’esame la sera mi si alza leggermente la temperatura a 37, 3 che rimane per poco meno di una settimana, il tutto accompagnato da delle scariche diarroiche che sono durate poco più della febbre; il formicolio è rimasto però ancora oggi, avverto come se degli insetti si appoggiassero per una frazione di secondo sulle gambe per poi sparire, quando non ci penso non lo avverto e quando sono agitato mi torna più forte, in questi giorni mi è sembrato di avvertirlo leggermente anche sul braccio sinistro ma non continuativo.
Un ultimo sintomo l’ho notato tre giorni fa, infatti credo mi sia calata un po’ la vista nell’occhio destro (premetto che uso il cellulare parecchie ore al giorno).
Finora non ho avvertito stanchezza, debolezza muscolare (vado in palestra 3 volte a settimana), tremori o diplopia, ma solo una dispnea sospirosa dovuta anche questa probabilmente all’ansia.
Il mio medico di base dice che potrebbe trattarsi di ansia e di non preoccuparmi.

Volevo però chiedere un consulto anche a voi, mi consigliate una visita neurologica o qualche altro tipo di esame?
Pensate che il calo della vista all’occhio sia dovuto solo al cellulare?
Proverò ad andare dall’oculista in breve.
Sono molto preoccupato non riesco più a vivere le giornate come prima per colpa di questa mia paura, grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro ragazzo,
innanzitutto cerca di non ingigantire piccoli disturbi che potrebbero anche essere transitorie manifestazioni della tua condizione di paziente diabetico. Il calo visivo che accusi a carico dell'occhio destro, tuttavia, deve essere attentamente considerato e non ha alcuna correlazione causale con l'utilizzo del telefono cellulare. Pertanto ti suggerisco di consultare dapprima un Oculista per l'esatta definizione del deficit e consecutivamente anche un neurologo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it