Utente
Salve, soffro di emicrania dolorosa e ad alta frequenza dal 2016, diagnosticata tramite RMN e check in neurologico.
Assumo Clevia a colazione, TriptoH a cena e eletriptan al bisogno (Laroxyl e Citalopram mi erano stati consigliati in due periodi diversi ma mi causano sonnolenza e instabilità emotiva, piango al minimo stimolo).
Da un mese sto assumendo eletriptan quasi tutti i giorni, più frequentemente alla sera, arrivando anche a 2 pastiglie alla volta se provo a resistere e non azzecco i prodromi.
Sono disperata ma il mio medico curante e la mia neurologa si limitano a consigliarmi medicinali FANS benché io li tolleri ben poco di stomaco.
Assumo 5 mg di Corlentor al giorno per tachicardia sinusale inappropriata mal tollerata.
Sono intollerante al glutine e molto ligia con la dieta alimentare.
Sono astemia e non fumo.
Sono preoccupata per il consumo ormai quotidiano di eletriptan, per quanto efficace.

Ringrazio per l'attenzione e porgo distinti saluti.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

l efficacia dell'eletriptan conferma la natura emicranica della Sua cefalea in quanto questo è un farmaco attivo solo sull'emicrania.
Però la sua assunzione quotidiana rischia di cronicizzarla e di sviluppare una cefalea da abuso.
È pertanto una pratica da evitare, come? Mediante una terapia di prevenzione che Lei non menzionandola ovviamente non la pratica.
Pertanto si rivolga tempestivamente ad un neurologo esperto in cefalee e chieda di un’eventuale terapia di prevenzione (non esiste solo il laroxyl).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Mi scusi, ho menzionato eccome la terapia di prevenzione...Clevia e triptoh, inizialmente anche laroxyl e citalopram ma non hanno funzionato. Sono in cura presso un centro cefalee della mia città ma non sono soddisfatta e volevo solo un altro parere. Mi spiace per il disturbo

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

clevia è un integratore con tutti i limiti di questa classe di prodotti, soprattutto l'efficacia incostante. Tript OH non è un farmaco di prevenzione di prima scelta, anche questo con efficacia molto incostante.
Esistono altre molecole di prima scelta che non è possibile consigliare a distanza.
Se non è soddisfatta del Centro cefalee dove viene seguita può rivolgersi ad un neurologo esperto in cefalee.
Nessun disturbo, ci mancherebbe.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Può rivolgersi a qualche collega nel capoluogo della Sua regione, non è lontano dalla Sua bella città dove ci sono anche centri di eccellenza.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro