Utente
Sono un ragazzo di 28 anni e da un bel po di tempo sto avendo strani sintomi che mi portano a stare male... Soffro anche d'ansia e sto in cura da uno psicoterapeuta...
I miei sintomi sono improvvisa mancanza di fiato, reflusso gastrico, gonfiore fianco destro e durante la giornata mi viene un senso di calore al piede destro...
Mi sento disperato e soprattutto sto veramente male fisicamente non riesco a capire tutti questo da dove viene.

Improvvisamente sento una sensazione che sale dallo stomaco come un ascensore e mi porta aritmie.

Mese scorso ho ftt la visita cardiologica e l'anno scorso ho fatto anche un holter ed è risultato tutto nella norma.

Ma è possibile che l'ansia mi crea tutti questi sintomi?
Aiutatemi per favore

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

l’ansia può causare qualsiasi sintomo, si tratta di sintomi reali, non "inventati".
Ovviamente prima di arrivare a questa conclusione è necessario escludere altre cause, cosa che mi pare Lei già abbia fatto.
Escluse pertanto cause organiche, affronti il problema e curi adeguatamente il disturbo ansioso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Dott. Ho fatto a novembre visita gastroenterologa con esame delle feci ed era tutto nella norma, poi ho fatto un holter cardiaco in più un'altra visita cardiologica il mese scorso.
Esami del sangue li ho fatti a gennaio ed era tutto nella norma.
Ma continuo a stare male.. E questo che non mi spiego, intanto sto in cura da uno psicoterapeuta, sperando di risolvere la cosa e sperando che sia solo un fattore d'ansia.. La ringrazio per la risposta

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

probabilmente la psicoterapia da solo non è sufficiente, si potrebbe affiancare una terapia farmacologica, sempre se consigliata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro