Utente
Salve, ho 33 anni e da qualche anno soffro (almeno un paio di volte l anno) di forti mal di schiena, mai approfonditi.
Il dolore è quasi sempre molto acuto e arriva senza apparenti motivi, forse dopo essere rimasto seduto per troppo tempo, il dolore parte dalla zona lombare/sacrale e s irradia alla zona inguinale, con forte dolore e torpore dell pube e dello scroto, fino alle cosce, soprattutto quella destra, talvolta addirittura con sensazione di dolore fino al polpaccio.
Da qualche giorno tale male è tornato a farmi visita, da oggi il dolore si è particolarmente acutizzato, faccio fatica a stare in qualsiasi posizione, sdraiato, seduto, alzato e, cosa nuova, avverto degli spasmi alla mano destra, più precisamente all indice destro.
Praticamente ho uno spasmo all indice dx che si sposta verso il pollice.
Tale movimento è netto e continuo con un intervallo di circa un secondo, è presente sia a riposo sia a lavoro, se reggo qualcosa o scrivo al cell... potrebbe essere collegato a questi "mal di schiena"?

Sto assumendo nimesulide ma senza nessun suggerimento del medico
Circa un anno fa ho fatto diversi controlli, anche visita neurologica, per delle sensazioni di vertigini e acufene, neurologo, otorino e visita vestibolare sempre tutto negativo.
Ho anche fatto un risonanza cranica che non ha riscontrato nulla, alla fine mi è stato suggerito che i sintomi (vertigini e acufene) potrebbero essere dovuti alla maloclusione dentale e al palato ogivale
Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

per quanto riguarda la lombalgia e la successiva irradiazione del dolore è corretto arrivare ad una diagnosi specifica, pertanto Le consiglierei di effettuare una RM del tratto lombosacrale.
Non vedo però correlazione col disturbo all'arto superiore che può essere causato da spasmi muscolari.
Consigliabile una valutazione dal Suo medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro