Utente
Buongiorno, ho 55 anni, ho subito a maggio 2019 quadrantectomia per cancro mammella, fatto radioterapia, concluso tutto per il meglio.

Sto assumendo Mestane e Enantone, da allora ho sempre un po' di mal di testa, comunque gestibile con antidolorifici.
Nell'ultimo mese, però, ho avuto 3 episodi molto dolorosi che hanno influito momentaneamente sull'eloquio e sulla forza agli arti.
Ho fatto risonanza che riporto:
"Qualche sporadica puntiforme microfocalità gliotica aspecifica su possibile base microangiopatica cronica è riconoscibile nella sostanza bianca frontale e in paratrigonale, reperti di minima entità di per se privi di significato clinico attuale.
Non lesioni focali ischemiche o emboliche di recente insorgenza.
sistema ventricolare di dimensioni entro i limiti con persistenza di minimo cavo del setto pellucido, con strutture della linea mediana in asse.
Normalmente rappresentati gli spazi liquorali periencefalici.
Focale calcificazione del III anteriore della grande falce cerebrale.

Aspetto ectasico della vena oftalmica superiore destra.
Dopo somministrazione Mdc non segni di alterazione della barriera emao-encefalica o patologiche impregnazioni.
Nelle immagini dopo Mdc si rileva una sottile displasia venosa a livello emisferico cerebellare a sx"
Capisco da me che non ci sono ne' tumori ne' ischemie e tanto mi basta, ma chiedevo se quanto emerso giustifica questi ultimi tre episodi cosi dolorosi e ingestibili con gli antidolorifici di uso comune.

Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

no, i reperti riscontrati alla RM, nulla d'importante comunque, non giustificano la cefalea che riferisce.
È necessario a questo punto avere una diagnosi corretta per verificare se è possibile instaurare una terapia di prevenzione, pertanto una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee è senz'altro indicata.
L'eventuale terapia la prescriverà il neurologo, se indicata.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille, cosa intende per diagnosi corretta?
La mia dottoressa sospettava emicrania..

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

esistono molti tipi di cefalea, quest'ultimo è un termine generico che indica qualsiasi mal di testa (cefalea=mal di testa), per cui per diagnosi corretta intendevo quella del tipo specifico (emicrania, cefalea tensiva, ecc..).
Personalmente anche io ho l'impressione che possa essere un'emicrania ma è solo un'ipotesi, così la Sua dottoressa sospetta un'emicrania ma non è una diagnosi certa, ecco cosa intendevo per diagnosi corretta.
Se fosse confermata la diagnosi di emicrania e ci fossero le indicazioni (attacchi superiori a 2-3 al mese) sarebbe indicata la terapia di prevenzione.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio molto
Buona serata

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, Signora.

Buona serata a Lei
Dr. Antonio Ferraloro