Utente
Buongiorno,
Vi scrivo per richiedere un vostro parere medico relativo ad una mia preoccupazione.


La mamma della mia compagna é affetta e sotto cura per SM da molti anni.


La mia ragazza e la sua sorella gemella sono affetta da anosmia dalla nascita, la cui causa non é mai stata rilevata ne eccessivamente indagata.
Hanno 25 anni entrambi godo di buona salute e praticano sport da sempre.


La mia preoccupazione é che i due fattori: la SM e l'anosmia possano essere tra loro correlati.
In particolare vorrei capire se é consigliabile il consulto di uno specialista per esplorare questo dubbio o sono solo mie preoccupazioni infondate.


In linea generale per i figli di genitori con SM, é consigliabile effettuare delle visite/ esami di prevenzione?


Vi ringrazio
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

con un'anosmia presumibilmente dalla nascita, come Lei scrive, non vedo associazione con la SM che sembra, almeno statisticamente, improbabile. Tale malattia non è ereditaria nel senso comune del termine.
Tuttavia un controllo neurologico è sempre corretto effettuarlo, eventualmente associato ad una RM encefalica per valutare eventuali alterazioni macroscopiche relativamente all'anosmia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio Dott. Ferraloro

Quindi senza urgenza sarebbe consigliabile una visita specialista neurologica.

Mi tranquillizza il fatto che, da quanto mi dice, in letteratura non sia presente una correlazione tra anosmia congenita e insorgenza della SM.

La ringrazio

Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, Le confermo l’opportunità di una visita neurologica con eventuale RM encefalica ma senza urgenza.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro