Utente
Buonasera, vorrei chiedere: il sentire il polpaccio pesante quando metto la gamba in contrazione è dovuto a qualcosa di muscolatura o trombosi?

Nel senso, quando tendo il polpaccio sento una sorta di tensione come se fosse stato "maltrattato", sento che è teso, contratto, rigido.

Alle volte, nella piegatura tra ginocchio e polpaccio sento pizzicare, un fastidio; sono una persona estremamente ipocondriaca... ho bisogno di sapere se va tutto bene o se devo correre ai ripari...
Essendo abbastanza ansiosa su questo discorso, può essere anche dovuto all'ansia?

Nel senso il sentirlo pesante e teso può essere dovuto ad una qualche forma di somatizzazione?

Preciso che cammino bene, né rossore nella gamba né gonfiore, perfetta.

In questo periodo ho letto molto sulla trombosi su Internet (forse ho sbagliato perché è da vari mesi che mi sta venendo questa forte ansia) però tra tutti i fattori di rischio, nessuno si associa al mio stile di vita: sono astemia, mi muovo abbastanza durante il giorno, bevo almeno un litro e mezzo d'acqua, mangio estremamente salutare mai schifezze, non fumo, non assumo nessuna terapia farmacologica e nemmeno pillola anticoncezionale, sono in normopeso ed infine non ci sono familiarità nella mia famiglia (nessun componente, nemmeno di secondo grado, ha avuto trombosi o altro)
Posso stare tranquilla?

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

non ha nessun segno di trombosi. Il Suo problema è psicosomatico, è l'ansia che deve curare e non deve andare a leggere in Rete in quanto è un soggetto particolarmente suggestionabile, si evince da quanto scrive.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Secondo lei che posso fare per togliere questa paura?
Non credo che sia un forte disturbo ma devo solo concentrarmi sul mio "star bene" e convincermi

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Deve affrontare il disturbo d'ansia, tutto qui, rivolgendosi ad uno psicologo o ad uno psichiatra.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Va bene grazie

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prego, buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Scusi dottore se le reco ancora del disturbo, ma volevo solo chiedere: leggendo il mio stile di vita, descritto sopra, secondo lei posso stare tranquilla? La mia salute va bene?

[#7] dopo  
Utente
So che sono domande stupide però mi creda sapere se posso stare tranquilla o meno mi aiuterà

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi pare che l’abbia tranquillizzata fin dalla prima risposta ma le rassicurazioni durano poco se non si cura l’ansia.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente
Ed è anche vero dottore, purtroppo questa paura mi è venuta dal nulla.. si figuri che prima nemmeno facevo costantemente le analisi del sangue, ora invece le faccio spesso.. purtroppo questo covid mi sta facendo diventare sempre più ipocondriaca