Utente
Buongiorno,
ho 34 anni e dal 7 febbraio 2009 al 14 giuno 2009 ho assunto Elopram 1 compressa da 20 tutte le mattine per ridurre una situazione di paura ingiustificata per certe situazioni che mi avava anche portato una condizione di amenorrea.
Ora, visto che io odio assumere ansiolitici e l'ho fatto perchè ero proprio disperata ( ho 1 bimbo di 1 anno che ha bisogno di una mamma serena), quando ho visto che stavo proprio meglio ho smesso di assumerlo in modo brusco, cioè da 1 giorno all'altro.
Per cui da circa 1 settimana ho dei giramenti di testa molto forti, mi sento sempre svenire, anche di notte: inizialmente pensavo fosse il caldo e l'afa che mi rendeva cosi' debole, ora dopo aver letto il bugiardino del farmaco mi sono resa conto di avere fatto una scemenza a smettere in modo brusco l'assunzione.
La mia domanda è: quanto durano questi effetti? Tendono a scemare o continuano cosi' in modo forte fino a smettere del tutto.
Vi prego ditemi qualcosa.
Non intendo assumere altri farmaci per risolvere questi problemi di vertigini, sono disposta ad aspettare, ma mi piacerebbe sapere quanto.
Grazie mille.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
le consiglio di riprendere il farmaco per circa 20 giorni e poi iniziare a diminuirlo gradualmente, passando alla formulazione in gocce che permette una riduzione ancora più graduale.
Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
quattro mesi sono pochi per la terapia con un SSRI, che non è un ansilitico bensì un antidepressivo, e va assunto per almeno 8-12 mesi sotto controllo specialistico.
Se dopo alcuni giorni il sintomo persiste, vuol dire che la patologia è ancora in atto.
Può scegliere di non curarsi, come sceglierebbe di non curare una bronchite o una qualunque altra malattia, oppure consultare uno psichiatra (che è lo specialista di riferimento,non il neurologo), che sarebbe l'opzione più sensata.
Proprio il fatto che ci sia una "paura ingiustificata" è segno che c'è un disturbo psichico che andrebbe trattato opportunamente.
Cordiali saluti
Franca Scapellato