Utente
Ho una MAV midollare tra D4 e D5 embolizzata per la prima volta due anni fa, aspetto i risultati dell angiografia e RM di controllo che ho eseguito la scorsa settimana, intanto mi hanno suggerito terapia con Pregabalin per trattare il dolore che è comparso da circa 25 giorni. Sentendomi già un po' debilitata in questo periodo ho deciso di non iniziarla al momento, e vorrei sapere se esistono farmaci con meccanismo d azione meno importante utili nel trattamento di neuropatie/parestesie. Premetto che lo scorso anno ebbi un altro periodo di dolore che trattai con Nicetile e un altro farmaco che non riesco a ricordare purtroppo. Sono stata bene fino a giorni fa quando si è ripresentato. Vorrei tenere sotto controllo questi periodi senza assumere farmaci importanti fino a che non saprò gli esiti dei controlli. Grazie mille.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se ha avuto buoni risultati col Nicetile e/o con altri farmaci meno "impegnativi" del pregabalin è razionale iniziare la terapia con queste molecole che hanno meno (o nessuno) effetti collaterali.
Ovviamente prima deve parlarne con lo specialista che La segue o col medico curante in quanto online non si possono consigliare farmaci in un paziente che non si conosce.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la disponibilità, ha ragione, anche se il mio intento non era ricevere una prescrizione, solo farmi un idea delle eventuali possibili terapie da sottoporre al team che mi segue. Sto cercando appunto di contattarli per cercare una soluzione alternativa

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un’indicazione l'ha avuta riguardo i farmaci già assunti con beneficio, tuttavia non si può incoraggiare l'automedicazione, per questo motivo Le ho detto di parlarne con i colleghi che La seguono.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro