Utente 552XXX
Buongiorno, apro questa richiesta poiché da 5/6 giorni circa avverto torpore/punture alle estremità delle dita di mani e piedi. Il fastidio non è fisso, ma alterna fasi più problematiche a minuti di relativa quiete. Ho già controllato glicemia, pressione sanguigna, eventuali scompensi vitaminici ma tutto rientra nella norma.

La mia richiesta non è dettata da un allarmismo infondato: nel settembre 2013, a seguito di un episodio di parestesie (si credeva dovute all'assunzione di antibiotici), una RM c/s contrasto ha individuato un'areola tenuamente ipointensa in T1w ed iperintensa in in Flair w e T2w localizzata alla s. bianca adiacente al corno frontale DX. Le conclusioni però parlarono di "reperto cranio midollare che non mostra caratteristiche neuroradiologiche di malattia demielinizzante, ma correlabile piuttosto con un incidente focolaio gliotico su possibile base vascolare anche innata". Furono evidenziate anche:

- Lieve inversione della curvatura cervicale
- riduzione dei soma tra D4 e D10 e maggiore dei dischi intersomatici
- piccoli noduli di Schmorl a carico delle limintanti somatiche centro-dorsali
- perdita margine posteriore concavo dei dischi C3-C4, C5-C6 e dei dorsali tra D5-D11


Alla luce di questo nuovo ed improvviso disturbo, ritiene che sia opportuno indagare rieseguendo una nuova RM? Il timore di un'errata diagnosi mi sta assalendo. Specifico anche che non vivo un periodo di stess (attualmente a riposo post laurea) e non ho subito traumi di alcuna natura.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

considerato che l’esame risale a circa 6 anni fa sarebbe opportuno un controllo RM indipendentemente dalla sintomatologia attuale che non è poi tipicamente di natura demielinizzante in quanto non continuativa e diffusa ai quattro arti (solitamente un sintomo iniziale di SM è più circoscritto).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro