Utente
Gentili dottori, sono un uomo di 35 anni, a causa di persistenti mal di testa il medico di base mi ha prescritto una rm del cervello e tronco encefalico.
Di seguito espongo la diagnosi:
Non si osservano definite aree focali di
Alterato segnale in atto a carico del tessuto cerebrale.

Buona differenziazione della sostanza bianca e grigia
Non si apprezzano immagini da riferire a lesioni in fase acuta o subacuta nelle sequenze DWI

Aspetto lievemente tortuoso nei n.
ottici con annessa falda iperintensa da modesta quota idropica della guaina perineurale, specie al tratto retrorbitario.

Il sistema ventricolare è in sede con normale morfologia e nei limiti volumetrici
Regolari gli spazi sub-aracnidei della volta è della base
Nulla di patologico in fossa cranica posteriore.


Mi sto focalizzando molto sulla falda della guaina perineurale, anche perché facendo delle ricerche mi danno come risultato dei tumori cerebrali e questo mi sta turbando non poco...Vi ringrazio in anticipo per le risposte...Enzo

[#1]  
Dr. Francesco Diana

36% attività
16% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2014
Gentile Utente,
quanto descritto riguardo alle guaine perineurali è un reperto piuttosto comune ed è legato al fatto che anatomicamente la guaina durale del nervo ottico è in continuum con lo spazio subaracnoideo e con le nuove sequenze di risonanza magnetica sempre più performanti, è più evidente. Per questo si considerano altri elementi per poterlo considerare un segno patologico.
In alcuni casi, questo insieme ad altre alterazioni del nervo ottico indicano un papilledema, che è un segno di ipertensione intracranica, che può avere varie cause. Tutte quelle cose preoccupanti che legge su internet insomma.
Tutto questo preambolo per tranquillizzarla e dirle che è plausibile che il reperto segnalato non sia patologico.
Tuttavia poichè il papilledema è una diagnosi oftalmoscopica, le consiglio di fare una visita oculistica con valutazione del fondo oculare per chiarire il dubbio.
Cordiali saluti.
Francesco Diana, M.D.
Neuroradiologo Interventista,
A.O.U. San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona,
Università di Salerno