Utente 120XXX

Salve, ho 23 anni, vorrei condividere con voi questa mia esperienza.
Premetto che sono miope e leggermente astigmatico. Nel mese di Maggio 2011 in seguito ad un leggero fastidio all'occhio sinistro decido di guardarmi allo specchio con una torcia. Mi accorgo di avere due puntini grigi proprio sul bordo dell'iride ad ore 6 che non mi provocano dolore ma solo la sensazione di occhio secco.

Preoccupato mi reco al pronto soccorso dove mi vengono diagnosticati degli infiltrati corneali. Eseguo una cura di Nettacin e Pensulvit per una settimana. Successivamente vengo visitato dal mio oculista di fiducia che non riesce a trovare una causa di questi infiltrati corneali e mi consiglia di proseguire con il Nettacin per un altra settimana. Alla successiva visita i due infiltrati corneali si ripresentano tali e quali, io lamento solo occhio secco.

Mi viene detto di utilizzare le lacrime artificiali e che gli infiltrati sarebbero in via di guarigione tra 1 o 2 mesi. A fine Luglio la situazione non cambia e decido di avere un altro consulto. Mi vengono diagnosticati infiltrati corneali due netti a sinistra ed uno a destra sempre ad ore 6, inoltre eseguo esami della Tiroide per l'occhio secco e risultano lievemente alti gli anticorpi ATG e ATPO. Ho messo Vigamox, Netildex, Xanternet, Lacrisek capsule e Hylocomod per 20 giorni ma nulla.

A Settembre cambio nuovamente oculista che mi dice che questi infiltrati corneali hanno bisogno di molti mesi per guarire ma potrebbero anche restare a vita. Non creano problemi in quanto sono periferici. Mi definisce come classico portatore di LAC (ma io non le utilizzo) con patologia da occhio secco probabilmente imputabile alla Tiroide. Come cura dopo una settimana di Tobradex per sfiammare l'occhio utilizzo solo Systane Ultra e GentealGel per 3 - 4 mesi.

L'endocrinologo non imputa la secchezza alla Tiroidite di Hashimoto che è in fase iniziale.

Il mio problema principale è l'occhio secco, specialmente quando devo leggere un documento PDF per esempio al PC dopo 15 minuti la sclera mi si arrossa molto ed a destra ad ore 6 compare questo puntino per qualche giorno salvo poi scomparire e riapparire in altri giorni.

Puo essere che le palpebre sfregando sulla cornea provocano queste piccole lesioni? Inoltre è risaputo che la frequenza di ammiccamento al PC o quando Studio si riduce ed io ne risento. Sono appunto arrivato a mettere le lacrime artificiali quasi ogni ora, ma gli infiltrati rimangono sia a sinistra che a destra.

Possibile Sindrome di Sjögren?

Mi rendo conto delle difficoltà del consulto online, percui se c'è bisogno di qualche chiarimento sono disponibile.
Cosa ne pensate?
Grazie, Cordiali Saluti.

[#1]  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Come sono il test di Shirmer, il BUT ed il test di osmolarità?
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#2] dopo  
Utente 120XXX

Gentilissimo Dottor Orione, non mi è stato fatto eseguire nessun test da tutti e 3 gli oculisti che ho consultato.

[#3]  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Su cosa si basa allora la diagnosi di occhio secco?
Solo dai sintomi?
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#4] dopo  
Utente 120XXX

Mi hanno visitato con lo strumento che hanno tutti gli oculisti (chiedo scusa ma non conosco il termine) ovvero quel microscopio con differenti luci applicando la fluorescina. E da lì vedevano l'occhio piuttosto asciutto.

[#5]  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Probabilmente le hanno fatto il BUT, cioè il tempo di rottura lacrimale.
Per sapere se ha la S. di Sjogren deve effettuare alcuni esami del sangue specifici e deve avere un test di Shirmer alterato (si misura la quantità di lacrima prodotta in 5 minuti che normalmente deve essere superiore a 15 mm.).
Ha per caso problemi di scarsa salivazione?
Ha dolori alle articolazioni delle dita?
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#6] dopo  
Utente 120XXX

Non credo che mi abbiano fatto il BUT, perche con la fluorescina andavano a colorare solo gli infiltrati corneali, poi potrei anche sbagliarmi...
L'endocrinologo mi ha detto che probabilmente oltre alla Tiroide posso essere soggetto a malattie autoimmunitarie multiple. Le ha definite così, e mi ha messo il campanello di allarme sulla S. di Sjogren, ma non ho i sintomi di questa malattia. Non ho problemi alla salivazione ed alle dita.

La notte ho gli occhi secchi ed al mattino mi alzo già con gli occhi rossi sia sclera che congiuntiva, ma lubrificando con le lacrime artificiali la situazione migliora un pochino.

[#7]  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Sarebbe opportuno misurare la sua lacrimazione, iniziare una cura e valutare dopo 20 giorni, rifacendo i test, se la cura fa effetto oppure no.

Buona Serata
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#8] dopo  
Utente 120XXX

Grazie mille Dottor Orione per la sua disponibilità, vorrà dire che insisterò affinche il mio oculista possa farmi i test necessari. Per il momento da quasi un mese come cura faccio Systane Ultra e GentealGel la sera prima di dormire.

Buona Serata.

[#9]  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Mi tenga informato.

A risentirci
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#10] dopo  
Utente 120XXX

Gentilissimi Dottori, dopo 4 mesi ho rieffettuato la visita oculistica. Il mio oculista attribuisce la causa degli infiltrati corneali all'occhio secco. Tale fattore scatenante molto probabilmente da imputare ad una serie di patologie autoimmunitarie come la Tiroidite.
Finalmente ho eseguito il test di Shirmer che è risultato normale ed il BUT che risulta alterato in quanto la mia lacrima evapora molto rapidamente nel giro di circa 4 secondi.

Piccola parentesi. Mi capita che i due infiltrati cornali nell'occhio sinistro che si vedono nettamente, circa ogni 2 mesi sembrano come dire "spellarsi", creano una specie di filamento che nel giro di 24-48 ore si stacca solo. In quel caso accuso la sensazione di corpo estraneo. L'oculista ha affermato che potrebbe trattarsi di cheratite filamentosa. Chiusa parentesi.

Tra 12 mesi effettuerò un altra visita e nel frattempo dovrò utilizzare Systane Balance, Iridium A Collirio ed Artelac Gel.

Auguro un buon anno a tutti.

[#11]  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Bene. Tra un mese ci dica come va.

Auguri
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#12] dopo  
Utente 120XXX

Gentilissimi Dottori, vi aggiorno sulla situazione. Ho utilizzato il Systane Balance, ma non mi sono trovato bene.
Riflettendo ho capito da solo che i due infiltrati corneali me li sono procurati quando ancora non sapevo di avere l'occhio secco e molto probabilmente a causa di un utilizzo intenso del Computer. Da quanto ho letto su internet potrebbe trattarsi di un'essiccazione della cornea. Fortunatamente non mi danno nessun problema.

Riguardo alla terapia per l'occhio secco, dopo diversi sostituti lacrimali, trovo giovamento soltanto con il Systane Ultra. Ho voluto provare anche il Systane Gel Drops che utilizzo durante l'uso del Computer e/o Studio (mi trovo bene).
Naturalmente ho degli alti e bassi, ma per il momento sò che ci dovrò convivere con questa problematica.

Cordiali Saluti.

[#13]  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Utilizzi la lacrima che le dà maggior sollievo ed effettui periodici controlli medico oculistici.

Cordialmente
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com