Utente
Ho 74 anni nel 2011 mi è stato diagnosticata in ambedue gli occhi una degenerazione colloide con iniziale interessamento maculare.
Non ho avuto problemi fino al febbraio 2017, quando nell'occhio sinistro ho avuto una maculopatia essudativa che è stata trattata con successo con tre punture intraoculari con eylea.
Sono stato bene ho fatto ogni anno i controlli con oct e fluorangiografia.
I primi di febbraio 2020 ho avuto una ricaduta sempre nell'occhio sinistro ed il 14 febbraio 2020 ho fatto la prima puntura intravitreale.
La mia domanda è questa: contemporaneamente alla ricomparsa di questo nuovo episodio avevo iniziato una cura per un principio di indurazio penis con un integratore (tunicaid) che conteneva la tradamizina che migliora la funzione endoteliare vascolare.
Puo' questo aver favorito la ricomparsa e la essudazione dei neovasi che si formano sotto la retina?
L'urologo è scettico ma mi ha fatto interrompere la cura.
Per l'oculista non dovrebbe entrarci e ha rimandato la palla all'urologo.
C'e' anche da dire che un mese e mezzo prima avevo preso a dosaggio sempre terapeutico il cialis.
Ma il problema all'occhio l'ho avuto in concomitanza con il tunicaid.
E' stato una mera coincidenza o uno dei due prodotti può aver favorito il risveglio della maculopatia?
In ultimo c' è da dire che per l'indurazio penis il protocollo dice che devo prendere il cialis 5 mg ogni giorno più il potaba e vitamina e.
Sapreste cortesemente darmi una risposta sicura a questo mio dubbio che non mi dà sicurezza per curare l'indurazio.
Posso usare il cialis senza problemi e cosa ne pensate della tradamizina.
Grazie aspetto con ansia un vostra risposta

[#1]  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
per piacere mi copi i referti dei colleghi medici spcialisti urologo e oculista


MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante.
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 / 02 58395516

[#2] dopo  
Utente
Il referto dell'angiografia a fluorescenza recita quanto segue OD :a luce aneritra ed in angiografia evidenzia drusen miste confluenti in zone maculare.In OS si evidenzia recidiva neovascolare di ampia neovascolarizzazione interessante l'area maculare subfoveale inferiore ,si consiglia di valutare trattamento con anti Vegf in occhio sinistro . Referto Oct : deg.colloide con liquido intraretinico OS . Per quanto riguarda l'urologo non mi ha dato un referto scritto ma ha evidenziato tramite ecografia del pene una piccola placca calcificata. Desidero solo sapere se l'assunzione di cialis e/o la tradamizina contenuta nel Tunicaid possono essere stati la causa o contribuito a detta recidiva
e se comunque posso assumere il cialis senza avere problemi per la maculopatia.Grazie

[#3] dopo  
Utente
Salve dottore Marino,ho dimenticato di puntualizzare nella mia precedente lettera che il dubbio (parlo sempre da ignorante in materia) su una possibile connessione tra la tradamizina contenuta nel tunicaid,mi è venuto perché facendo delle ricerche ho scoperto che la tradamizina migliora la funzione endoteliare vascolare,mentre la maculopatia essudativa umida è creata da una sostanza chimica chiamata:fattore di crescita endoteliare vascolare(Vegf). Poiché io per la mia endurazio pene dovrei prendere sia il tunicaid che il cialis desidererei un suo illustre pensiero su ciò.Non le nascondo che il cialis visto la mia età mi farebbe comodo assumerlo per motivi inerenti la sfera sessuale.La ringrazio sempre e sono in attesa di un suo illustre parere