Utente
Salve,
da sempre sono miope e astigmatico.
Con l'età è subentrata anche la presbiopia; inoltre il mio lavoro necessità di ore ed ore, spesso anche di notte, davanti a un videoterminale (quando è uno, a volte sono anche più).
Risultato netto, da un anno ho sovente occhi rossi, bruciori, fastidi vari, secrezione di schiuma, annebbiamenti etc...Ho cosultato vari oculisti, cambiate varie lenti, usato svariati tipi di lacrime e integratori...diciamo che convivo col problema, sperando che non peggiori.
Ultimamente ho avuto un po di "dispiaceri" vari, periodi più difficili del solito e mi sono ritrovato a "cercare" di piangere.
Mi sono però accorto che anche piangendo, se così posso chiamarlo, per 5-10 minuti o più, gli occhi rimanevano sempre asciutti, senza lacrime, e si arrossavano più.
Lo stesso mi era capitato in altro periodo duro 3-4 anni fa, ma all'epoca non gli avevo dato importanza.
Ora m chiedo: è normale non produrre lacrime quando si piange?
Può essere questo un segnale di una qualche disfunzione dell'occhio?
Esistono esami specifici in merito?

[#1]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Salve. È necessario effettuare una accurata valutazione oftalmologica della superficie oculare e della funzione lacrimale. Esistono esami specifici per effettuare una precisa valutazione della situazione (Schirmer, But, fluotest, osmolarita'), premessa fondamentale per un programma volto a ristabilire il riequilibrio della superficie oculare, in quanto le disfunzioni lacrimali innescano con il tempo un circolo vizioso che aggrava e cronicizza i disturbi. Inoltre in alcuni casi possono esserci condizioni generali, ad esempio di tipo reumatico o immunologico, che sostengono tali alterazioni.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille!