Utente
Buongiorno.
Ho 58 anni, ipertesa in terapia con buon compenso.
Oltre sei mesi fa mi sono casualmente accorta di un notevole calo del visus dell'occhio dx.
L'oculista che mi ha vista a marzo ha deciso che con le lenti vedo 10/10 e perciò non c'è alcun problema.
Io però sono preoccupata: già nel novembre '18 era insorta una diplopia (eseguite visita oculistica, TAC e RM, entrambe senza contrasto, entrambe negative) mai recuperata; la messa a fuoco è compromessa da velature, oltre che da una quantità di mosche volanti (OCT negativo).
Per leggere con meno disagio, ora tolgo gli occhiali e avvicino il testo.
Due visite oculistiche (novembre 2018 e agosto 2019), con corredo di visita ortottica, non hanno rilevato nulla e concluso per un'exoforia slatentizzata, di minima entità.

Ho deciso di proseguire l'indagine: ho solo due occhi, li uso molto e non vorrei perderli senza far nulla.
In che direzione mi consigliate di procedere?

[#1]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Salve, una variazione del difetto visivo può verificarsi anche in età adulta. La visione di mosche volanti (miodesopsie) deriva invece da un processo di degenerazione della sostanza vitrea, più frequente nei miopi, che può determinare anche la comparsa di addensamenti o lacune, percepite come una fastidiosa nuvoletta che attraversa incostantemente il campo visivo. Dal momento che la visita oculistica complessiva, fondo oculare ed Oct sono risultati normali, un approfondimento diagnostico può essere effettuato mediante esame del campo visivo, per avere indicazioni anche sulla componente neurologica della visione.
Cordiali saluti
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia