Utente
Buonasera, vorrei portare alla vostra attenzione un mio problema, Dopo 2 mesi circa sono riuscito a guarire da una congiuntivite allergica...ho iniziato la terapia con Imidazyl e l'ho finita con Naaxia e Betabioptal.

Ho fatto anche una visita oculistica, l'oculista ha detto che la congiuntivite mi è passata e mi è stata diagnosticata la miopia, -3 ad un occhio e -2.75 all'altro...il problema è...che di notte...attorno alle luci vedo degli aloni che appena strizzo gli occhi, scompaiono.

È un problema dovuto alla miopia?

Un'altra cosa, appena ruoto l'occhio verso sinistra avverto dolore all'occhio sinistro, e quando lo ruoto a destra lo sento all'occhio destro ma molto meno rispetto al sinistro...grazie per l'attenzione

[#1]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Salve. I disturbi allergici possono avere miglioramenti periodici legati a un minore contatto con gli antigeni che scatenano i sintomi (pollini, acari della polvere o altro) o in seguito alle terapie effettuate, ma mi sembra azzardato parlare di "guarigione" definitiva. I fastidi riferiti potrebbero essere legati a una disfunzione del sottile strato di lacrime che ricopre e protegge la superficie oculare, spesso associata proprio a problematiche allergiche, oppure alla persistenza di una lieve forma di allergia. Se si verifica un miglioramento utilizzando sostituti lacrimali privi di conservanti possiamo propendere per la prima ipotesi.
Cordiali saluti
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie infinite per la risposta, dottore. Seguirò i suoi consigli e le farò sapere, buona serata.

[#3] dopo  
Utente
Dottore un'ultima cosa...la mattina appena mi sveglio, faccio fatica ad aprire gli occhi e per i primi minuti ho la visione annebbiata... è legato a ciò?

[#4]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Potrebbe essere un sintomo di secchezza. Conviene iniziare con un sostituto lacrimale a base di acido ialuronico privo di conservanti, da instillare nelle prime fasi 4 volte al giorno, poi si valuta se aggiungere un gel o un unguento notturno.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#5] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta e per la pazienza dottore, volevo precisare solo un'altra cosa...sono una persona che passa tantissimo tempo con Telefono e computer...potrebbe centrare qualcosa?

[#6]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Si. L'utilizzo di dispositivi elettronici accentua in genere le condizioni di secchezza e determina un aumento dei fastidi, così come la permanenza in ambienti chiusi con area condizionata o eccessivamente ventilati.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#7] dopo  
Utente
Dottore buonasera, sto iniziando con una terapia di lacrime artificiali e sto notando un miglioramento, ho notato un'altra cosa, sulle superfici riflettenti vedo doppio...questo problema è dovuto alla secchezza?

[#8]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Potrebbe. Il film lacrimale è la prima superficie attraversata dai raggi luminosi che poi saranno focalizzati sulla retina. Uno strato di lacrime irregolare può determinare una distorsione delle immagini. In tal caso l'installazione di un valido sostituto lacrimale dovrebbe dare un immediato miglioramento della definizione dell 'immagine
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#9] dopo  
Utente
Dottore buonasera, sto continuando il trattamento di lacrime artificiali, il mio oculistica mi ha anche consigliato di fare impacchi con acqua calda oppure camomilla, questi impacchi possono ritenersi utili?

[#10]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Gli impacchi sono certamente utili nei casi in cui la condizione di secchezza è legata ad una disfunzione delle ghiandole di Meibomio. Queste ghiandole producono la componente oleosa delle lacrime, che ne ritarda l'evaporazione. Se questo secreto (meibo) si ispessisce e ostruisce i dotti escretori ghiandolari lo strato di lacrime che riveste e protegge la superficie oculare evapora rapidamente lasciando l'occhio secco. Per poter rendere il meibo più fluido è necessario applicare impacchi ad una temperatura di circa 45 gradi per 5/7 minuti e ripetere la procedura due volte al giorno, almeno fino a completa normalizzazione del quadro ; in seguito è consigliabile effettuare cicli di mantenimento.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#11] dopo  
Utente
Dottore buonasera, ho rifatto la visita oculistica e l'oculista mi ha detto che non ho più nulla, ma io continuo a vedere aloni...dice che è normale, al buio si dilata la pupilla e quindi vedo questi aloni intorno alle luci.Un'altra cosa che ho notato, è che le ciglia cadono facilmente...

[#12]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Salve. Premetto che, come dice il suo Oculista, di sera, con la dilatazione della pupilla e in particolari condizioni di illuminazione, è normale entro certi limiti vedere distorsioni o aloni intorno alle sorgenti luminose, fenomeno che rimane spesso ignorato, data la sua abitualita', a meno che non diventi oggetto di particolare attenzione. Il fenomeno risulta realmente accentuato in presenza di alcune condizioni, come una superficie oculare irregolare, anche semplicemente per effetto di una carenza di lacrime, un astigmatismo non corretto, una opacità delle strutture oculari attraversate dai raggi luminosi (cataratta, macchie sulla cornea, addensamenti della sostanza vitrea) o per malattie della retina. Queste alterazioni vengono normalmente rilevate nel corso di un esame oftalmologico generale.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#13] dopo  
Utente
Dottore buonasera, volevo informarla, il rossore agli occhi è sparito, ho notato solo che...la parte interna della palpebra, è piena di capillari rossi visibili, il rossore si estende fino alla parte dietro l'occhio, invece, ho notato che la parte delle ciglia che si trova nella palpebra, è visibile..cosa mai successa prima

[#14] dopo  
Utente
Un'altra cosa, sulla zona della palpebra tra le ciglia e il bulbo oculare, mi escono delle piccole bollicine trasparenti...il mio oculistica ha detto che è normale come cosa ..secondo lei? Grazie per la pazienza.p

[#15]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Salve. Da quanto espone, si evince che probabilmente permane una blefarite. La schiumetta in prossimità delle ciglia può essere indice di una disfunzione delle ghiandole di Meibomio, contenute all'interno delle palpebre. Si tratta peraltro di un dato già considerato qualche giorno fa, allorquando venivano consigliati impacchi caldo umidi, che effettivamente sono indicati per questo tipo di affezione.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#16] dopo  
Utente
Dottore buonasera, il mio oculistica mi ha diagnosticato una Blefarite anteriore, come cura: Impacchi caldi 3 volte al giorno e lacrime artificiali. Ha detto anche che, visto che ho usato Betabioptal per 15 giorni, la blefarite è lieve...ed è già in parte sconfitta, lei cosa ne pensa?

[#17] dopo  
Utente
Blefarite posteriore e non anteriore, ho sbagliato a scrivere

[#18] dopo  
Utente
Dottore buonasera, un'altra domanda....durante le mie visite, l'unica cosa che non è stata misurata è la pressione oculare...e avendo fatto una cura al cortisone (20 gg di Naaxia 3 volte al giorno e 15 gg Betabioptal 3 volte al giorno) questa, potrebbe aver causato problemi? Vista anche la mia età (17anni)
Grazie ancora e scusi il disturbo

[#19]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Salve. In base al quadro clinico descritto concordo con la prosecuzione del trattamento con impacchi caldo umidi e sostituti lacrimali, come prescritto dal suo Oculista. Per quanto concerne le preoccupazioni su possibili ripercussioni sulla pressione oculare, non starei assolutamente in ansia per un ciclo di terapia che è stato limitato nel tempo e poi sospeso; peraltro uno dei due prodotti utilizzati (il Naaxia) non contiene cortisonici. Si affidi con serenità al suo Oculista.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia

[#20] dopo  
Utente
Dottore buonasera, si, sto seguendo le indicazioni del mio oculistica, ma entrambi...non siamo riusciti a dare una risposta a questi aloni e alla visione doppia sulle superfici riflettenti, se sono vicino all'alone, lo vedo sfocato...vicino alle luci a led, vedo un alone di colore Blu/verde...di cosa si potrebbe trattare? Grazie ancora

[#21] dopo  
Utente
Il mio oculistica ha detto che potrebbe trattarsi di un problema di secchezza dovuto alla blefarite... , per gli aloni, potrebbe essere solo affaticamento visivo, visto che passo anche molto tempo sul telefono, ha detto anche, che la miopia in alcuni soggetti causa questi aloni..e devo ammettere, che durante la quarantena, la mia miopia è aumentata abbastanza, da ,-2 ad entrambi gli occhi a -2.75 e -3

[#22] dopo  
Utente
Dottore buonasera, ho parlato con il mio oculistica riguardo alla visione doppia sulle superfici riflettenti, ho spiegato meglio il problema, quando mi avvicino ad uno specchio , non vedo proprio una visione doppia, ma vedo un bordo attorno all'oggetto, tipo luci, viso, denti ecc, appena mi allontano di un po', questo problema svanisce...lui ha detto che potrebbe trattarsi di un problema dovuto dalla differenza del livello di miopia -2.75 al sinistro e -3 al destro. Un altro problema che ho notato, è che, se guardo una zona non luminosa e subito dopo sposto lo sguardo su una zona luminosa, vedo un flash di luce, questa cosa però, accade solo con l'occhio destro, secondo lei, di cosa si potrebbe trattare?

[#23]  
Dr. Salvatore Troisi

24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Salve. Certamente capirà che, se c'è difficoltà nel corso di più visite a dare una spiegazione ai disturbi che riferisce, è improbabile poterlo fare a distanza, sulla base di sintomi che appaiono anche un po' vaghi. Comunque, fermo restando il trattamento delle alterazioni del film lacrimale e supponendo che la pressione endoculare sia normale, farei un controllo del difetto visivo dopo instillazione di un collirio cicloplegico, che annulla eventuali difformità legate ai meccanismi di messa a fuoco, ed un controllo del fondo oculare, per escludere che il "flash" che compare in occhio destro ai movimenti rapidi oculari sia dovuto a sollecitazioni della retina e che le "sbavature" possano essere legate ad alterazioni della sostanza vitrea. Se da questi controlli non fossero evidenziate anomalie starei tranquillo, evitando di polarizzare eccessivamente l'attenzione su questi piccoli disturbi.
Dr. Salvatore Troisi
specialista in Oftalmologia