Utente
Salve, vorrei chiedervi un consulto circa un fastidioso dolore all’occhio sinistro che non mi permette di chiudere l’occhio, lo fa lacrimare se ci provo e mi porta a colare anche il naso.
Ho iniziato ad avvertire questo fastidio dopo essermi struccata, anche se ore prima, nel tentativo di mettere il mascara, per sbaglio lo scovolino mi è andato nell’occhio e in quel momento ho sì provato dolore, ma è svanito davvero dopo pochi secondi, quindi non so se questo antecedente c’entri qualcosa.
Vorrei sapere di cosa possa trattarsi e nel caso come curarlo; io finora ho semplicemente applicato del collirio senza alcun risultato.

[#1]  
Dr. Stefano Russo

20% attività
20% attualità
8% socialità
NAPOLI (NA)
ACERRA (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2019
Innumerevoli sono le possibili cause di tale sintomatologia: dalla più banale a quella meno.
Risponderle così è impossibile.
Con una visita oculistica si potrà facilmente risalire alla diagnosi.
Dati i sintomi che manifesta e la coincidenza con l’evento responsabile di una possibile abrasione corneale traumatica non perderei tempo a prenotarla.
Cordiali Saluti
Dott. Stefano Russo

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, grazie mille per il suo riscontro. Ho infatti intenzione di andare domani stesso dal mio oculista, cercavo solo un modo per alleviare il dolore in questo giorno di stallo. Le faccio un piccolo aggiornamento della situazione: l’occhio si è gonfiato, vedo appannato e le congiuntive sembrano essere più rosse rispetto a quelle dell’altro occhio, inoltre l’occhio interessato produce una secrezione bianchiccia intorno all’angolo interno dell’occhio. Cosa potrei usare secondo lei per alleviare quantomeno il dolore quando provo a battere le palpebre?

[#3]  
Dr. Stefano Russo

20% attività
20% attualità
8% socialità
NAPOLI (NA)
ACERRA (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2019
Dai sintomi e segni riferiti sembra possa trattarsi di una congiuntivite purulenta. Un collirio a base di antibiotico e cortisonico dovrebbe essere utile: però è sempre preferibile iniziare però una terapia con la certezza diagnostica.
Dott. Stefano Russo