Utente
Buonasera.
Sono una ragazza di 27 anni. Non ho mai avuto problemi gengivali e posso dire che nonostante anni di adolescenza con "apparecchi vari" ho una dentatura direi sana. Ultima pulizia dei denti diversi anni fa ma (anche se so che è sbagliato non farlo regolarmente) non ho particolari problemi di tartaro.
Ultimamente ho avuto le gengive infiammate.. più che altro ho notato che una delle gengive davanti della parte inferiore a cavallo tra due denti si è abbassata e rispetto alle altre è esattamente la metà! Ho pensato che fosse per un pò di infiammazione... ma sto notando a distanza di un paio di settimane che anche altri denti sembrano avere un piccolo gonfiore e un leggero abbassamento. La cosa inizia a preoccuparmi... ho ancora le gengive leggermente infiammate anche se non sanguinano e non mi danno particolarmente fastidio se non nei punti in cui sento la gengiva più bassa. Continuo a fare sciaqui con coluttori e sto molto attenta lavandomi i denti a non "infiammarmi ulteriormente"..
Mi devo preoccupare e fare vedere quando prima questo problema ad un dentista o può essere che effettivamente se le gengive si infiammano temporaneamente si "ritirano" anche?
Mi hanno parlato di una malattia grave in cui le gengive si ritirano... a questo punto non so se devo preoccuparmi e correre veramente da un dentista al più presto...
Ringrazio anticipatamente e saluto..

[#1]  
Dr. Marcello Fantini

28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Se ha le gengive come le descrive è molto probabile che vi siano accumuli di placca e tartaro. E' inutile usare collutori per risolvere il problema, deve effettuare una visita e probabilmente un' ablazione tartaro. Lavare i denti cercando di non infiammare le gengive ulteriormente non fa che peggiorare la situazione, in pratica non li lava bene. La retrazione gengivale è una conseguenza di ciò e potrebbe portare, ma di solito in età più matura, alla parodontite con perdita di attacco sulla superficie radicolare dei denti. Saluti.
Dr. Marcello Fantini
Chirurgia orale - Implantologia

www.studiofantini.jimdo.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio della risposta.. ma nel punto in cui la gengiva si è abbassata non c'è del tartaro perchè è nei denti davanti dietro sono sanissimi non sono irritati, solo davanti in un angolo tra due denti.. improvvisamente non so come si è abbassata.
Può comunque essere del tartaro "non necessariamente visibile?"
scusi la formulazione della risposta.. sicuramente andrò a farmi vedere quanto prima, solo volevo sincerarmi che i miei non fossero effettivamente sintomi di qualche cosa "grave". Una volta curata la gengiva che fa, risale o rimane per sempre così generalmente?

[#3]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
sicuramente una visita da un esperto parodontologo è consigliabile
il ritiro gengivale è lo specchio del ritiro osseo e quindi di un problema parodontale che alla sua giovane età non solo non va sottovalutato ma va rapidamente affrontato
in funzione del difetto osseo che si sarà creato, una volta diagnosticato, le sarà proposta una terapia adeguata
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#4] dopo  
Utente
Buonasera.
Ieri a cena a casa di amici ho avuto il piacere di fare una chiacchierata molto utile con un odontotecnico. Mi ha spiegato che il mio è un problema di "masticazione inversa", infatti io ho i denti anteriori e inferiori che sono a pari livello (da bambina ho portato infatti diversi "apparecchi" ma non ho fatto stabilizzare la dentatura con un bite da portare di notte) e la mandibola negli anni è slittata in avanti, per questo motivo i miei denti non "appoggiano" correttamente ed esercitano una "pressione di masticazione" che a quanto pare (da far vedere ad uno specialista) potrebbe aver portato ad un inizio di ritiro osseo e appunto quello gengivale.
Mi ha consigliato di andare da un ortodonzista... non ne conosco nessuno, sono a Bologna, non so nemmeno se qui posso chiedere a qualcuno un buon ortodonzista a cui rivolgermi.. in caso ringrazio anticipatamente. Inoltre mi domandavo.. problemi di cervicale posso quindi derivare anche da questo problema?

[#5]  
Dr. Marcello Fantini

28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Lasci perdere il parere dell' odontotecnico sulla sua occlusione e sui problemi gengivali, se ha sanguinamento e dolore deve farsi controllare dal dentista.
Dr. Marcello Fantini
Chirurgia orale - Implantologia

www.studiofantini.jimdo.com

[#6]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
le cervicalgie possono dipendere anche da un problema di malocclusione come pure la malattia parodontale
una valutazione gnatologica, ortodontica e parodontale è quindi necessaria
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it