Utente
Gentili dottori,
cercherò di essere il più esauriente possibile, ma vi preannuncio che la storia di questo dente è lunga e tortuosa...
Un anno e mezzo fa circa, il mio dentista provvedeva alla devitalizzazione del 2° molare inferiore sinistro. Su questo dente, veniva messo un provvisorio che è durato circa un anno e poi, via via, è saltato più volte fino ad arrivare, a forza di limare e ricostruire, a non avere più corona del mio dente naturale. Questo succedeva quest'estate. IL dentista provvedeva allora a riprovare a fare un provvisorio su una gengiva molto infiammata (la capsula era saltata nel fine settimana e io, per paura che a lasciare il dente scoperto nel fine settimana potesse aggravarsi la situazione, avevo provato ad appoggiarla semplicemente sopra la gengiva, pensando che avrebbe dato un pò di protezione al dente, ma forse così ho irritato ancor più la gengiva ...) e, per la prima volta in vita mia, dopo qualche giorno mi è venuto un ascesso!
Passata la fase acuta, da questo ascesso la vita del mio dente è completamente cambiata. La fistola che si era creata per far fuoriuscire il materiale purulento non si richiudeva più e si è reso necessario asportare una delle due radici, causa della continua infiammazione.
E infatti la fistola è scomparsa. A quel punto, però, il dentista mi suggerisce di fare un ponte a due denti (e non a 3) decidendo di "appoggiarsi" al dente del giudizio che, avendo a sua volta già una grossa otturazione, nel tempo avrebbe avuto necessità anch'esso di una capsula per essere ricoperto e così avremmo dato stabilità al 2° molare che, diversamente, con una sola radice, non avrebbe avuto.
Premetto che questa tecnica conservativa è stata fatta d'accordo fra di noi, poichè io avevo paura dell'estrazione. E di questo lo rigrazio.
Pero, arriva oggi finalmente il momento dell'inserimento del ponte (dopo una prova avvenuta un paio di settimane fa) e lì per lì sembra andare tutto bene.
Arrivo a casa e, ovviamente, mi guardo in bocca per vedere come è venuto il lavoro e lì la brutta sorpresa...: il dente del giudizio è stato incapsulato con un dente d'oro!! Senza alcun altro tipo di rivestimento in ceramica. Oro e basta. Di questo non me ne aveva mai parlato. Io ho sempre pensato che il ponte sarebbe stato in ceramica o metallo-ceramica. L'ho subito chiamato risentita dicendogli se c'erano altre soluzioni e lui mi ha risposto di no. Al che gli ho detto che allora preferisco togliere tutto e credo che farò così.
Però ora chiedo il Vostro parere...: è possibile che nell'epoca dove l'apparenza e l'estetica contano molto, non ci sia una diversa soluzione per ricoprire un dente del giudizio? Ma i denti d'oro usavano cinquant'anni fa! E' possibile che lui non pratichi altre tecniche invece esistenti e che non me lo abbia detto per non perdere la cliente?
Vi ringrazio se potrete darmi una risposta.

[#1]  
Attivo dal 2008 al 2011
Gentile utente, vi sono diversi tipi di capsule, da quelle in oro a quelle metallo-ceramica, zirconio-ceramica, ceramica integrale...ecc ecc
Comunque bisogna valutare una serie di fattori che portano a scegliere il tipo di restauro protesico da applicare

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore, grazie per la Sua risposta.
Il problema, infatti, è proprio questo ... non abbiamo concordato insieme la capsula in oro. Non me ne ha mai parlato. Ha sempre detto "metteremo il ponte", senza specificare di che materiale sarebbe stato fatto. Se me lo avesse anche solo accennato, gli avrei detto che assolutamente non volevo una capsula in oro. Ho 35 anni e non posso credere di dovermi tenere questo "coso" orribile in oro in bocca.
A questo punto, cosa si può fare? Sono obbligata a farglielo togliere visto che non lo voglio in oro, oppure questa capsula può essere rivestita in qualche modo senza togliere il ponte, ormai cementato?
Preciso che la sua assistente mi ha detto che è stata adottata questa soluzione perchè per il dente del giudizio non c'è spazio per mettere una corona metallo-oro.
E' vero questo?
Io sono molto arrabbiata e delusa ...

[#3]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Andiamo per ordine:
il primo errore è stato fatto in sede di progettazione in quanto Lei era tenuta a sapere le modalità di esecuzione e la tipologia del restauro "(almeno si usa far così)";
il secondo errore nel momento in cui venivano fatte le prove, struttura e ceramica, Lei non si è accorta che l'ultimo dente era giallo invece che bianco? Non l'ha visto in bocca prima della cementazione?
Poi, se lo spessore a disposizione non va oltre il 1,8-2,0 mm non è possibile mettere ceramica (in zona occlusale anche 2,5mm sarebbero preferibili), ma questo viene detto sempre prima!! Bisogna considerare anche il fatto che generalmente un dente del giudizio difficilmente si trova in zona estetica per cui non viene presa in considerazione la sua ricopertura in materiale estetico... Una cosa è certa, la mancanza di comunicazione. Cerchi con calma di far valere le sue ragioni "estetiche" al collega e vedrà che la cosa la risolverete insieme.
Si ci sono vari materiali che possono essere usati per motivi estetici.
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dott. Muraca, grazie infinite per la Sua esauriente risposta.
Infatti, anche secondo me, il problema è stato la mancanza di comunicazione. Io mi sono sempre fidata - come si dice - "ad occhi chiusi", anche nel vero senso della parola ... sono una persona che si agita quando deve andare dal dentista e, proprio perchè mi agito, quando sono sdraiata sul lettino preferisco tenere gli occhi chiusi e non vedere cosa succede ... e invece questa volta avrei fatto meglio a tenerli aperti!
Quindi, per rispondere alla sua domanda,: no, non ho assolutamente visto cosa mi stava mettendo in bocca purtroppo ... nè durante la prova, nè in seduta definitiva.
O meglio, ho visto il calco in gesso della mia dentatura, ma non ho assolutamente visto il dente d'oro ... magari me ne fossi accorta, ora non sarei così giù di morale perchè lo avrei fermato immediatamente!
Ma soprattutto - ed è questa la cosa grave - non mi ha mai fanno minimamente cenno al fatto che la capsula che avrebbe rivestito il dente del giudizio sarebbe stata in oro! Io pensavo - nella mia ignoranza - che sarebbe stata di ceramica oppure metallo-ceramica e non ho pensato a chiederglielo prima, ma mai più mi sarei aspettata nel 2010 di trovarmi un dente d'oro a vista in bocca!
Oltretutto, questo dente è piatto. Cioè: non ha la forma di un dente. E' come un dente che viene limato appunto prima di essere incapsulato. Ha la stessa identica forma.
Ma perchè questo?
Ma secondo Lei ora è possibile trovare un rimedio a questo antiestetico problema (perchè, anche se si pensa che il denet del giudizio è in un punto molto nascosto che neanche si vede, in realtà se una persona ride di gusto a bocca aperta si vede eccome!!).

P.S.: che cosa intende quando parla di spessore 1,8/2,00 mm. ... che cosa deve avere questo spessore: il mio dente del giudizio o la capsula?

Grazie ancora!

[#5]  
Attivo dal 2008 al 2011
Il rimedio è quello di rifare il ponte, abbassando ancora il dente del giudizio, in modo tale da avere a disposizione 2 mm circa per la struttura metallica più lo spessore adeguato per la ceramica.

[#6]  
Dr. Gianpiero Deluzio

24% attività
4% attualità
12% socialità
RUTIGLIANO (BA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
E'evidente che c'è stato un problema di comunicazione col suo dentista; è quantomeno strano che Lei non fosse a conoscenza del materiale che sarebbe stato utilizzato per la sua protesi. Se così è, ha tutti i motivi per risentirsi.
Consideri,però, che spesso i denti del giudizio sono poco erotti e pertanto gli spazi per la ceramica sono insufficienti se non si vuol ritoccare l'antagonista. Pertanto è possibile che non vi fossero molte alternative a quella adottata.
Ciò non toglie che comunque sarebbe stato corretto avvertirla.
Dr. Gianpiero Deluzio
Odontoiatra