Utente
Salve,

volevo chiedervi quanto tempo si puo' rimanere senza un molare prima di mettere un impianto?

Visto che l'ho appena tirato via ma attulamente non posso sopportare la spesa dell'impianto volevo saper quanto tempo si puo' rimanere senza e se ci sono conseguenze.

Grazie mille

Marco

[#1]  
Dr. Orazio Ischia

32% attività
0% attualità
16% socialità
LIPARI (ME)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile paziente il suo osso alveolare subirà un processo di rimaneggiamento a seguito dell'estrazione,nei prossimi tre mesi vedrà riassorbire una percentuale considerevole della massa ossea e successivamente solo piccole percentuali l'anno.Comunque questa riduzione in genere non è tale da impedire un atto chirurgico,specie se l'estrazione è stata condotta con attenzione e senza essere stati demolitivi.In ogni caso se deve aspettare parli con il suo curante che la potrà valutare durante l'evoluzione della guarigione.Tenga solo presente che se il sito osseo si riassorbisse eccessivamente allora si renbderebbe necessario unintervento più costoso.Cordiali saluti
Dr. orazio ischia odontoiatra
perfezionato in chirurgia orale,implantare,parodontale ,endodonzia,protesi,medicina orale, in odontologia forense,

[#2]  
Dr. Sandro Compagni

24% attività
4% attualità
12% socialità
LATINA (LT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
L'osso intorno alla radici ha motivo di esistere fintanto esiste la radice del dente col suo legamento. Estratta la radice esso comincia il suo inesorabile riassorbimento.
La maggior quantità di osso si riassorbe subito dopo l'estrazione, per poi continuare il riassorbimento più lento. L'impianto inserito dopo i 40 giorni circa dall'estrazione ha il compito di riattivare le cellule ossee, ridando la funzione all'area bloccando, quasi, il riassorbimento stesso.

Saluti
Dr. Sandro Compagni
Parodontologo, Gnatologo, Odontoiatra Sportivo, Odontologo Frorense
studiodentisticocompagni@gmail.com
www.studiodentistic

[#3] dopo  
Utente
Ma avevo letto che cmq l'impiato subito dopo o meglio congiuntamente all'estrazione è poco usato e che l'impianto della vite va fatto dai 3 ai 6 mesi dopo l’estrazione fino a quando si può procedere con l’inserimento dell’impianto, poiché l’osso deve essere del tutto guarito per rendere possibile un’adeguata integrazione ossea.

è giusto tutto questo?
Posso passar tranquillo l'estate senza visite e ritornarci a settembre per valutare eventuale impianto o è troppo tardi?

Vi ringrazio per i vostri preziosi consigli professionali e per il contributo che offirte, che credo serva anche a voi stessi medici per potervi confrontare ;)



[#4]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
No.
Non è giusto.
L'impianto eseguito congiuntamente all'estrazione è talmente "poco usato" che personalmente lo eseguo tutte le volte che posso.
Non è giusto neppure affermare che l'impianto VA FATTO da 3 a 6 mesi dopo l'estrazione.
Infatti lo eseguo a volte contestualmente all'estrazione, altre volte 3 settimane dopo, altre volte ancora dopo 2 mesi, o dopo 4 mesi, ma altre volte dopo decenni dall'estrazione.
L'adeguata integrazione ossea si ottiene con una tecnica corretta e adeguata abilità da parte dell'implantologo.

Torni pure senza problemi a settembre.
Se prima non può, non può.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#5]  
Dr. Sandro Compagni

24% attività
4% attualità
12% socialità
LATINA (LT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
I tempi sono variabili e soggettivi, ma la tendenza è quella di non aspettare troppo.


Saluti
Dr. Sandro Compagni
Parodontologo, Gnatologo, Odontoiatra Sportivo, Odontologo Frorense
studiodentisticocompagni@gmail.com
www.studiodentistic

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille per i consigli....
Volevo far anche presente che sotto il molare era in atto un'infezione, quindi a questo punto non so se sarebbe stato possibile farla contenstualmente.

Comunque l'unica cosa è che spero che non si degrati l'osso in 3 mesi a tal punto da non permetterne l'impianto :(


Ancora grazie dottori......

[#7] dopo  
Utente
Che ne dite?

[#8]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Le ho già risposto.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#9] dopo  
Utente
si si infatti....

Visto che attualmente sono all'estero ma a breve dovrei tornare in italia, volevo chiedervi se mi sconsigliate di farmi far qui l'impianto e successivamente dopo l'integrazione ossea l'impianto del dente in italia.

Ci sarebbero problemi?
Potete consigliarmi visto che vorrei cercar di farlo al piu' presto in quanto ho paura che l'osso si degradi troppo velocemente per poter effettuare un impianto...

grazie mille

[#10]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Se lei esegue l'impianto all'estero, il povero dentista italiano si trova in questa situazione:

1)
Procurarsi il moncone protesico e il moncone di guarigione di un impianto che può non essere commercializzato in Italia, oppure che non usa.

2)
Procurarsi, magari solo per affrontare il suo caso, il transfert, l'analogo e il cacciavite manuale e quello dinamometrico.
Il costo che il dentista deve sostenere per affrontare queste spese, se il dentista non usa routinariamente quell'impianto, è sicuramente superiore al costo dell'impianto che lei esegue.

3)
Fidarsi del lavoro effettuato dal collega straniero.
Se ha messo un impianto non idoneo, secondo il suo giudizio, come forma, lunghezza o diametro, la protesi, a distanza di tempo, potrebbe avere dei problemi, o l'impianto cominciare a dondolare e venire via.
Oppure, se la protesi non è adeguata, può far saltare anche il migliore degli impianti.
Può cominciare così un gioco di scaricabarile sulla responsabilità di un eventuale fallimento.

Vuole mettersi in questa situazione?

Aspetti di ritornare in Italia, e vada da un buon implantologo pugliese.
Daltronde, l'abbiamo inventata noi l'implantologia moderna.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#11] dopo  
Utente
Situazione al quanto complicata e da evitare, come mi ha anche ben suggerito e le sonop grato per le utili info.

L'unica cosa che il mio dentista in italia non credo sia impiantologo a differenza di quello all'estro, precisamente lussemburgo, che è impiantologo, esperto biomateriali e tessuti calcificati credo proprio quello che faccia al caso mio, solo ke come vengo d'apprendere l'impianto lo abbiamo inventato noi ITALIANI ;) .....

[#12]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Anche in puglia ci sono OTTIMI implantologi.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#13] dopo  
Utente
Immagino....

Come posso verificare se un medico dentista è effettivamente un'impiantologo?

[#14]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Alcuni rispondono su questo forum.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#15] dopo  
Utente
Ah ok allora vedo se riesco a fare una ricerca... Grazzie ;)

Ultima cosa ma l'impianto come nel mio caso, non puo' essere fatto contestulamente all'estrazione a causa dell'infezione esistente, vero?

[#16]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Dipende.
Se l'infezione è modica e silente, alcuni implantologi eseguono lo stesso l'intervento (sono fra questi), altri rimandano l'inserimento dell'impianto di qualche settimana.
Non c'è una procedura "giusta" in assoluto.

Le importa di più il colore del gatto oppure che prenda i topi?
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#17] dopo  
Utente
Beh sinceramente se devo tenerlo in casa il colore, almeno che stia bene con l'arredamento ;) skerzo....

No no chiedevo solo a titolo informativo, vorrei fare l'impianto al piu' presto, nel forum non c'è nessun implantologo nella prov. di bari :(

[#18]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Allarghi a Taranto e Lecce...
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#19] dopo  
Utente
Mhh effettuata ricerca anche a taranto ma niente, nessun implantologo.

Cmq ne ho trovati alcuni sul web effettuando una ricerca con google.

A questo punto mi consigliate di andare dirattamente e di lasciare la valutazione della tempistica al medico stesso, vero?
e non andarci direttamente a settembre...?

[#20] dopo  
Utente
Ciao Dottori,

volevo chiedervi ma nell'impianti possono essere anche usati materiali scadenti?
l'impianto è solo fatto in titanio? ce ne sono altri tipi?

grazie mille

[#21]  
Dr. Orazio Ischia

32% attività
0% attualità
16% socialità
LIPARI (ME)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Salve se ne avesse necessità si farebbe impiantare un pacemaker di seconda scelta?
Per un impianto non esistono compromessi accettabili,si devono spendere soldi,altrimenti tantovale rivolgersi all'estero.
Cordiali saluti
Dr. orazio ischia odontoiatra
perfezionato in chirurgia orale,implantare,parodontale ,endodonzia,protesi,medicina orale, in odontologia forense,

[#22] dopo  
Utente
Per questo domandavo se esistono altri tipi d'impianti per non incorrere come si dice in "fregature" in quanto possono dirti di averti messo il miglio impianto in titanio della migliore qualità ma alla fine non è cosi'....
Per questo motivo chiedevo, forse mi saro' espresso male nella domanda precedente

[#23]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Ogni dentista le dirà che usa i migliori impianti.
Ogni fornitore le dirà che il suo è il migliore, e quelli della concorrenza una schifezza.

Il problema non è "il migliore impianto", ma "un valido implantologo".
Lui saprà mettere qeull'impianto particolare LI', perchè lì va meglio quello rispetto a quell'altro.
E' quello ceh faccio io normalmente, ed è proprio per questo che inserisco impianti di 8 marche commerciali (6 italiane e 2 straniere) per un totale di 19 linee implantari diverse.
Perchè un osso non è uguale all'altro, e perchè quello che va bene lì non va bene là.

Il miglior impianto non esiste...

Tenga conto che alcuni impianti che considero delle autentiche schifezze (perchè, secondo me, ci sono anche questi) sono fra i più blasonati e costosi presenti sul mercato.

E la bontà di un impianto ha poco a che vedere con il suo costo.
Su quyesto intervengono tanti fattori, e quello pubblicitario è il maggiore.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#24] dopo  
Utente
Ora ho la situazione un po' piu' chiara...

Ho trovato a quanto pare un ottimo implantologo a dir del mio amico tecnico dentista che lo conosce molto bene, mi affidero' quindi nelle sue mani, come ovviamente non si altra scelta quando di va da un qualunque medico.

La ringrazio ancora Dottor Formentelli per la sue esaurienti risposte e sopratutto scritte in modo da essere comprese anche da qualcuno che in campo medico non ha un minimo di competenza, in quanto a ognuno il suo ;)

Buona serata a tutti, magari vi tengo aggiornati se puo' farvi piacere o meglio interessarvi