Utente
Buongiorno,
ho 35 anni e da parecchi anni (circa 12) soffro di un dolore non continuo derivante dalla mandibola a scatto, lato dx.
Circa 10 anni fa, dato che avevo il muscolo mandibolare durissimo e mi faceva veramente male, il mio dentista mi ha detto che il problema derivava dal fatto che la notte digrigno i denti e quindi mi ha costruito un bite che ho ulizzato per parecchi anni tutte le notti.
Negli ultimi 2 anni, nonostante continui ad usare il bite, la mandibola, almeno 1 volta all'anno, inizia a farmi male con un dolore persistente per almeno 1 settimana.
Qualche massaggio direttamente sulla parte dolorante (un dito interno alla bocca e uno esterno) mi fa passare il dolore.
Ad ora, però, masticando dalla parte opposta allo scatto, sento che la giuntura mi fa male e devo per forza masticare dalla parte in cui scatta la mandibola.

Penso che il problema sia da risolvere in qualche modo, ma dato che il bite non serve, non so se devo rivolgermi ad un osteopata o addirittura ad un ortopedico.
Non vorrei dovermi operare perchè so che la parte mandibolare fa parecchio male e dovrei rimanere in convalescenza per chissà quanto tempo.

Mi puoi dare un consulto?

Grazie,
Stefano

[#1]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Probabilmente il bite ha dato una soluzione parziale al suo problema del bruxismo.
Potrebbe essere necessario "ricalibrarlo", o addirittura rifarlo.

Ma da poco tempo abbiamo uno strumento in grado di misurare il bruxismo.
Di verificare, quindi, se il bite sta "funzionando" oppure no.

https://www.medicitalia.it/blog/odontoiatria-e-odontostomatologia/891-bruxismo-una-innovativa-proposta-diagnostica-e-terapeutica.html

Lo stesso strumento diagnostico può diventare terapeutico, aggiungendo la sua efficacia a quella del bite o, nei casi più favorevoli, in alternativa al bite.


www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta.
Quindi lei pensa che comunque sia il mio problema sia risolvibile sempre e solo con l'uso del bite, eventualmente ricalibrato?
Nessun altro intervento medico o fisioterapico potrebbe risolvere il mio problema?


Grazie,
Stefano

[#3]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Al momento, senza una visita, senza una misurazione del suo bruxismo attuale, non sono in grado di dirglielo.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4]  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006