Attivo dal 2009 al 2012
Alla fine di luglio sono andato dal dentista perchè era saltata l'otturazione di un dente curato circa 12 anni fa (penultimo molare arcata inferiore). Il dentista, avendo constatato la formazione di una carie sempre nello stesso punto, ha proceduto a rimuovere la carie e ha dovuto devitalizzare il dente dato che, nel togliere la carie, mi ha detto che sanguinava. Ovviamente ho fatto radiografia completa del cavo orale e più punture di anestesia.

Sono tornato la settimana successiva e il dentista mi ha chiesto se avessi sentito dolore (in realtà no) durante la settimana e ha cominciato a operare senza anestesia. Io ero molto teso perchè mi era parso di capire che non era certa la devitalizzazione del dente. Il dentista allora, dopo aver notato che avvertivo una sensazione di aria fredda, ha fatto nuovamente anestesia e, dopo aver inserito alcuni aghi, di nuovo una radiografia ma stavolta parziale. Il risultato è che il dente non era ancora devitalizzato. Allora il dottore ha inserito nel dente una specie di sondino a cui era collegato un sensore acustico che faceva bip bip a frequenza variabile. Alla fine della seduta secondo il dentista il dente era devitalizzato.

La settimana prossima ho un altro appuntamento. Nel frattempo sto notando che se una bibita fredda va su quel dente (che dovrebbe essere devitalizzato), io avverto una sensazione acuta ma sopportabile di freddo (cosa che nn mi capita con gli altri denti).

Le mie domande sono:

1) è normale che si avverta ancora la sensazione di freddo se qualcosa va a contatto col dente devitalizzato?

2) se il dente non fosse devitalizzato mi dovrei risottoporre a radiografia? tutte queste radiazioni in così poco tempo non rischiano di essere nocive?

3) è normale che un dentista trovi tante difficoltà a devitalizzare definitavamente un dente? io ho la nausea solo all'idea di sottopormi in un mese a una terza seduta con anestesie pesanti che ti bloccano per ore metà bocca.

4) durante l'iniezione della seconda anestesia ho avvertito come dei lampi sulla lingua e sul labbro. mentre la prima volta fu tutto tranquillo. devo preoccuparmi se fosse necessaria fare una terza anestesia? a me sta cominciando a venire la fobia dell'anestia.

[#1]  
Dr. David Marri

20% attività
0% attualità
0% socialità
BIBBIENA (AR)
BOLOGNA (BO)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Abbia un po' piu di fiducia sul lavoro del suo dentista a volte le terapie endodontiche possono richiedere piu' sedute, la seconda anestesia probabilmente e' stata una tronculare ed e' normale l'anestesia del labbro inferiore.

Dr. david Marri
www.oralinstitute.it
www.davidmarri.it

[#2]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Cerco di rispondere alle sue domande
1-un dente devitalizzato non ha la capacita' di percepire le variazioni termiche per cui nondevesentire il freddo
2- a volte il professionista x maggior tranquillita' del paziente esegue radiografie che confermano la cura effettuata. Attualmente poi con la radiologia digitale l'esposizione e' veramente minima. Se poi come sembra il collega ha usato il rilevatore apicale la radiografia sara' solo per confermare il risultato
3- talvolta la cura puo' essere complicata anche se ormai si cerca in una seduta in assenza di complicanze settiche di concludere la devitalizzazione
4- per l'anestesia stia tranquillo e poi potrebbe non servire
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#3] dopo  
Attivo dal 2009 al 2012
dottore, perchè dice che l'anestesia potrebbe non servire? se il dente è ancora sensibile al freddo, non sarà sensibile anche al dolore provocato dal dentista nel tentativo di completare la devitalizzazione?

se il dentista mi dicesse che devo fare ancora anestesia e radiografia, io sarei tentato di chiedere una pausa e rimandare tutto al mese prossimo. secondo lei sarebbe un errore?

[#4]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
un dente medicato deve essere chiuso il più presto possibile per evitare infezioni inutile e controproducente attendere potrebbe peggiorare la situazione
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#5]  
Dr. Jacopo Cioni

20% attività
0% attualità
0% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2001
Salve

Confermo quanto scritto dal collega Finotti.

Vorrei aggiungere che spesso i pazienti focalizzano la loro attenzione sul dente "in trattamento" e qualsiasi fastidio lo collocano involontariamente su quel dente. E' probabile che il dente che subisce lo stimolo al freddo sia un'altro e che lei lo individui su quello trattato.

Cordialmente
Dott. Jacopo Cioni

[#6] dopo  
Attivo dal 2009 al 2012
Sì, ha ragione. Pochi giorni fa sono stato dal dentista che ha verificato che il dente è devitalizzato. La sensazione di freddo o caldo dipende da uno dei denti vicini. Questo mi ha tranquillizzato molto. Ora si può procedere al riempimento definitivo del dente e in futuro al suo incapsulamento.

Solo un altro chiarimento. I denti devitalizzati possono in futuro dare problemi (essendo, non so, soggetti a maggiore usura rispetto agli altri denti) oppure restano al loro posto tranquilli?

[#7]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Possono dare in futuro problemi come li possono dare i denti sani; ovviamente problemi anche diversi
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#8] dopo  
Attivo dal 2009 al 2012
Torno sulla questione del mio dente devitalizzato perchè si manifestano alcuni sintomi a distanza di circa 20 giorni dalla sua presunta devitalizzazione.

1) quando batto con l'unghia sulla punta sinistra del dente avverto una leggera sensibilità che non si manifesta sugli altri denti compiendo lo stesso gesto.

2) più di una volta dopo una semplice corsetta ho avvertito sul dente una pulsione corrispondente al battito cardiaco (cosa mai successa prima)

3) il dentista quando mi devitalizzò il dente versò nei canali qualcosa e in un canale in particolare, all'immissione del liquido, avvertì immediatamente un crescente bruciore nonostante lui mi avesse voluto fare ancora una anestesia (eppure il dente era già devitalizzato).

4) per dissipare i miei dubbi mi passò un tampone ghiacciato sul dente non anestetizzato ed io non avvertì alcun fastidio.

ora mi chiedo: se questi sintomi possono indicare che il dente non è del tutto devitalizzato. se ci fosse ancora da devitalizzare, cosa si può fare ora che i canali sono stati già riempiti? in futuro dovrei incapsulare questo dente, ma ho timore che qualche nervo non sia stato eliminato. si tratterebbe eventualmente di una operazione semplice?

[#9] dopo  
Attivo dal 2009 al 2012
potrei sollecitare una risposta al mio quesito o devo aprire una nuova discussione?

[#10]  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
1-Una piccola sensibilità residua potrebbe rimanere ma solitamente non c'è
2-può dipendere dalla sensibilità residua del dente devitalizzato che come detto solitamente non c'è ma potrebbe anche dipendere dalla persistenza di una lieve infiammazione apicale
3-potrebbe essere stato del liquido disinfettante oltre apice
4-ok
Il dente é stato devitalizzato ma non possiamo sapere se avrá o meno problemi in futuro e che tipo di problemi potrá avere Abbiamo a disposizione solo le sue descrizioni ma ci mancano le due cose indispensabili che sono la clinica ( averla visitata ed effettuato la prestazione ) e le immagini radiologiche
I controlli clinici e se necessario radiologici dal suo dentista potranno eventualmente tranquillizzarla
Per rispondere anche alla seconda questione le dico che talvolta potrebbero anche passare giorni per avere risposte perché noi ci " colleghiamo quando il tempo ce lo consente " non essendo questo il nostro lavoro
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it