Utente 564XXX
Buongiorno,
scrivo per avere un parere specialistico.
Circa un mese fa mi sono recata da un dentista per una visita generale, anche se non ho mai avuto alcun tipo di problema a parte una carie curata con semplice otturazione. Dopo la visita, il dentista mi dice che presentavo due carie, al 45 e 46 dente e che andavano curate. La volta dopo comincia a "scavare" (perdonate il termine, ma non conosco quelli tecnici) su entrambi i denti e li ottura con una pasta provvisoria. Premetto di non aver mai accusato dolore ai denti, ma dopo questa volta comincio ad avvertire un dolore e non riuscivo a capire se provenisse dal premolare o dal molare. Avviso di questa cosa il mio dentista che sembra piuttosto convinto che il dente "problematico" sia il premolare, perciò continua a "scavare" su questo dente per diverse sedute, con scarsi risultati. Il mio dolore non si attenua, anzi, mi costringe a masticare dall'altro lato da circa 2 settimane. Giovedì scorso gli dico che il mio dolore proviene dal molare (soltanto quando mastico) e non dal premolare, che invece sento solo un po' sensibile, ma probabilmente a causa dei ripetuti "scavi" (?) ; lui convinto che io non riuscissi bene a localizzare il dolore, decide che la scelta migliore sia devitalizzare il dente (il premolare). Il prossimo appuntamento è tra 8 giorni per continuare la devitalizzazione, ma il dolore che io avverto è sempre lo stesso e proviene dal dente posteriore, ossia il molare. L'ho chiamato ma lui appare convinto e mi ha detto di prendere una bustina di oki per smussare il dolore (a parer suo causato dall'inizio della devitalizzazione). Io rimango convinta che il dolore provenga dal molare e che il premolare sia solo un po' sensibile.
Vorrei gentilmente avere un vostro parere. Grazie in anticipo per le vostre risposte.

[#1]  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Quando il dolore e' di origine pulpare e' scarsamente localizzabile, a volte il paziente lo riferisce ad un dente ma il dente responsabile puo' essere un dente vicino o anche, non di rado, un dente dell'arcata antagonista.
Se si e' ritenuto di devitalizzare il premolare. Evidentemente il dentista ha reputato che la lesione cariosa su quel dente fosse così avanzata dall'aver coinvolto la polpa.
Al termine della cura se avra' ancora dolore la situazione andra' rivalutata, questo non toglie che la carie del premolare possa comunque essere meritevole delle terapie che sta eseguendo.
Segua le ptescrizioni del dentista e lo informo sull'evoluzione della sintomatologia.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Utente 564XXX

La ringrazio per la risposta dr. Di Iorio.
Ci terrei ad aggiungere, per non essere fraintesa, che non ho la minima intenzione di sindacare la scelta del mio dentista di procedere con la devitalizzazione del premolare, sicuramente lo avrà ritenuto necessario. Ciò che mi chiedo, è perché non prendere minimanente in considerazione la possibilità che ci possa essere una carie importante al molare, dato che il dolore che avverto non sembra per niente irradiato, ma ben localizzato in quel punto (premendo, ad esempio, col dito sul premolare non avverto il minimo dolore, a differenza del molare che mi rende impossibile la masticazione). C'è da dire che è stato lui alla prima visita a parlarmi di carie situate su entrambi i denti, ed ha proceduto con una semplice otturazione al molare, concentrandosi esclusivamente sul premolare. È possibile che l'otturazione abbia sollecitato il dente e che non sia stata abbastanza?
Mi scuso per l'insistenza, ma non vorrei che il dente venisse trascurato e che un'eventuale carie possa procedere ad uno stato avanzato. Vi ringrazio nuovamente per l'attenzione e per le risposte.

[#3]  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Non so dirle perche' il dentista abbia indirizzato la sua attenzione prevalentemente sul premolare piuttosto che sul molare dove la sintomatologia parrebbe indirizzare.
Probabilmente avra' visto che la carie del premolare era più destruente di quella sul molare.
La domanda che ha postato sul sito dovrebbe porla a lui, io ho provato a dare una spiegazione, quella del dolore riferito, tuttavia se il fastidio compare alla compressione ed e' ben localizzabile il discorso potrebbe esser diverso.
Ponga tranquillamente a lui le sue piu' che lecite domande, vedra' che sicuramente avra' i chiarimenti dovuti.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#4] dopo  
Utente 564XXX

La ringrazio nuovamente per la risposta dott. Di Iorio. Le pongo l'ultima domanda.
Ritiene che dovrei accelerare i tempi, quindi magari richiedere al mio dentista di anticipare l'appuntamento e provvedere, qualora ce ne fosse bisogno, alla cura del molare? Oppure potrei attendere, senza particolare fretta, la fine della cura canalare al premolare, prevista tra due sedute (ovviamente, continuando a sopportare il disagio di dover masticare esclusivamente dalla parte sinistra)?

[#5]  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2010
Se ha dolore può chiedere di anticipare l'appuntamento per fare il punto sulla situazione.
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it