Utente
Salve.
Esattamente 2 giorni fa ho estratto il dente numero 35 o 36 dell'arcata inferiore.
Il "dente" era ormai devitalizzato da anni ed era ridotto a un cumulo di schegge infilzate nella gengiva. Il dottore me l'ha rimosso e messo 2 punti di sutura.
Prima dell'intervento non mi era stato ordinato nessun accorgimento né cura, e dopo l'intervento mi è solo stato detto di fare una cura antibiotica.
Non avendo mai estratto un dente, ho fatto degli sciacqui nemmeno 2 ore dopo perché avevo un po' di sangue, e da lì in poi ha cominciato a sanguinare per almeno altre tre ore. Prima di andare a dormire, ho stretto forte una garza sterile per 10-15 minuti sulla parte interessata, dopodiché ho smesso di sanguinare e non ha più ripreso.
La mia preoccupazione è che possa formarsi un'alveolite a causa di questo spostamento del coagulo che ho poi provveduto dopo poco a riformare. Il punto dell'estrazione appare molto scuro, quasi nero, ma non avverto nessuna particolare alitosi o infiammazione, né vedo ossa esposte.
Cosa ne pensate?

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, l'intervento è stato gestito da un medico, perché dovrebbe preoccuparsi lei di possibili complicanze? Stia alle indicazioni del suo odontoiatria, se ci fosse qualcosa di non chiaro contratti lui direttamente. Eviti di ricercare in internet possibili complicanze post avulsione senza saperle interpretare.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
come avrà capito sono leggermente paranoico, a causa del mio diabete - che il dentista ha trattato con superficialità tutto il tempo - e delle indicazioni che NON mi ha dato dopo l'intervento.

Saluti.

[#3]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Difficilmente in medico tratta con superficialità la salute di una persona. L'importante è comunicare di essere diabetici e i farmaci che si assumono oltre gli attuali valori di glicemia, poi il ragionamento si fa in pochi secondi. Le indicazioni di norma le diamo sempre, ma spesso i pazienti per tensione non le comprendono completamente, per questo è mia abitudine consegnare un foglio con scritte le indicazioni. Lei in qualunque caso può richiamare l'odontoiatra è farsi dare tutti i chiarimenti che desidera.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/