Utente 377XXX
Salve,
cinque anni fa mi sono sottoposta a intervento di installazione si protesi fissa dell'arcata superiore
Mi sono sottoposta di recente a un'ortopanoramica e mi è stato detto che su un molare - è l'ultimo alla fine della protesi sul lato destro - c'è una carie

Avendo perso di recente il mio dentista di fiducia ne sto cercando uno nuovo, ma nel frattempo mi chiedo:

- la carie può passare agli altri denti ricoperti dalla protesi?

- per procedere alla cura o alla rimozione del dente cariato, che ripeto è quello finale a destra, sarà obbligatorio rimuovere tutta la protesi o esistono metodi per lavorare solo su quel punto?

- curiosità: le lastre si "leggono" al contrario suppongo

Sono ovviamente preoccupata, non avendo più il mio riferimento per le cure dentistiche

Grazie per la replica che vorrete darmi

[#1]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Un dente ricoperto da protesi può cariarsi nel punto dove questa finisce, vicino alla gengiva.

Se è piccola, si può, qualche volta, otturare.
Ma molto probabilmente occorre rimiuovere la corona per poter pulire con efficacia; e ovviamente, va rifatta.

Ma sarà un dentista che le ha detto che c'è una carie...
Spero.

Le lastre si leggono "dritte", cioè COME IL DENTISTA VEDE LA PAZIENTE.
La destra del paziente (e della lastra, ovviamente) corrisponde alla mia sinistra.
Nulla impedisce al dentista di capovolgere la lastra, o di mettersi a testa in giù per leggerla...
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#2] dopo  
Utente 377XXX

Salve
ovviamente ho fatto leggere l'ortopanoramica a un dentista, ma non ho ancora deciso tra quali scegliere per affidarmi alle cure. Non sono così avventata da pretendere di comprendere da sola una cosa del genere: sono una giornalista non un dentista, per tale ragione chiedo lumi in mancanza - ancora - di un riferimento esterno a questa piattaforma.

A parte questo: intendo dire che ho una protesi fissa che copre l'intera arcata superiore, non sono corone separate, per questa ragione mi chiedo se è possibile intervenire localmente...

Per quanto riguarda la lettura della radiografia: a testa in giù mi sembra il metodo più divertente, of course :) e mi rendo conto che la mia domanda era abbastanza stupida, ma è emersa durante una chiacchierata tra colleghi, e ne ho sentite di tutti i colori...grazie per la risposta.

Cosa pensa, quindi: a suo parere, una protesi completa che ricopra l'intera arcata, solitamente viene rimossa completamente - col rischio che possa rovinarsi - o si può anche intervenire solo in quel punto?

La ringrazio molto

[#3]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Adesso è un pò più chiato.

Occorre valutare caso per caso se si può intervenire su un dente solo, o meno.
Valutandole la fattibilità tecnica, e il rapposto costo/beneficio, ma tenendo conto anche cher potrebbe trattarso di un rappezzo per "andare avanti un pò" o essere risolutivo.

In pratica, non so darle indicazioni generali.
Dovrei visitarla e vedere la lastra; dritta o rovesciata non cambia: mi adeguo (*___*).
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4] dopo  
Utente 377XXX

Come darle torto...consulenze di questo genere, da remoto...

Il fatto è, come immagina, che una certa ansia assale, in special modo quando si ritiene - non dico di aver risolto per sempre il problema denti - di poter stare un poco tranquilla

Lei è lontano, altrimenti le avrei chiesto consulenza diretta

Il dentista a cui ho fatto leggere l'ortopanoramica mi prospettò due soluzioni: una mirata solo all'area interessata, l'altra più complessa

Ciò che non mi ha convinta sono le due diverse modalità e i costi esageratamente diversi: mi ha fatto venire il dubbio che puntasse al mega-lavoro, magari non necessario, pur di presentarmi un conto esorbitante...

La ringrazio molto per l'attenzione, appena mi sarà possibile, deciderò il da farsi: a chi affidarmi

Un caro saluto

[#5]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"mi ha fatto venire il dubbio che puntasse al mega-lavoro, magari non necessario, pur di presentarmi un conto esorbitante..."

In questa ottica, dato che il dubbio è più che legittimo, faccia le sue valutazioni in uno studio monoprofessionale, nel classico studiom dentistico, in pratica, evitando come la peste le catene, dove il dentista è a "libro paga" degli investitori.

La visita DEVE essere a pagamento.
www.studioformentelli.it/pagine/articoli/perche-devo-pagare-la-prima-visita-dentistica
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#6] dopo  
Utente 377XXX

Non mi sono rivolta a una catena di quel genere, ma da un dentista peraltro conosciuto e consigliato. So come funzionano certe cose, ma la ringrazio per averlo scritto.

La visita è stata a pagamento, com'è giusto che avvenga in ogni professione (Io stessa esercito una professione e mi troverà sempre d'accordo) ma non mi ha convinto il modo sbrigativo con cui ha chiuso la descrizione dell'eventuale intervento locale, slanciandosi - invece - nella dettagliata descrizione di un intervento molto più complesso, ed economicamente oneroso per ovvie ragioni.

Prenderò la mia decisione, come faccio sempre, scegliendo tra diverse proposte

Ho scritto qui per comprendere se potevo avere una visione terza, ma ovviamente da remoto non è possibile.

La ringrazio per lo scambio, un cordiale saluto.