Utente
Buonasera.

Sono stata sottoposta in data 26/06 a un’estrazione dell’ottavo inferiore.
Mi sono presentata allo studio dentistico per una pericoronite, e il medico ha eseguito un’estrazione nell’immediatezza, senza avere a disposizione un qualsiasi reperto radiologico.
La corona si è spezzata quasi subito, mentre per le radici si è resa necessaria un’alveolotomia marginale.
Però purtroppo tutto ciò si è svolto all’estero, e la scelta dello studio è stata del tutto casuale.
Fin da subito ho iniziato la terapia prescrittami: Augmentin 875/125 mg x 5 gg, Etoricoxib 90 mg x 3 gg, Metamizolo 1g/2ml fiale IV/IM per bocca al bisogno.

Non ho ricevuto alcuna indicazione riguardo le misure di igiene orale da mantenere nell’immediato, e mi sono basata sui ricordi di una precedente estrazione, iniziando l’uso del collutorio a base di clorexidina dopo 24 h dall’estrazione, due volte al giorno.
Riguardo la terapia farmacologica, sono stata fin da subito aderente alla prescrizione.
Da circa 24 h, ho iniziato ad accusare un forte mal di gola, con difficoltà alla deglutizione.
La mucosa si presenta fortemente infiammata in entrambi i lati, ma le tonsille non sono visibili in quanto ho ancora difficoltà a protrudere la lingua.
Sono molto preoccupata, essendo quasi al termine della terapia antibiotica e antinfiammatoria, e non ho alcuna fiducia nel medico che mi ha praticato l’estrazione, che mi ha anestetizzato e iniziato a far leva sul dente senza neanche chiedermi se fossi d’accordo con il trattamento, non interessandosi minimamente alla mia storia clinica o eventuale situazione farmacologica.
Ora, fortunatamente non ho nulla di rilevante sotto questo punto di vista, ma ciò ha contribuito fortemente alla totale sfiducia nei confronti del medico.

Gentili dottori, spero in una vostra rassicurazione e vi ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissima utente, prestazione in urgenza all'estero, forse in Italia siamo troppo premurosi nei confronti dei nostri pazienti e certe cose le capite quando avete i confronti. Attenda, salvo complicanze prima o poi arriverà la guarigione. L'odontoiatra era poco loquace, ma lei poteva porre qualche domanda sui suoi dubbi.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/