Utente
Buongiorno dottori, mio figlio ha subito circa un anno e mezzo fa un intervento di estrazione di un conoide che impediva la discesa dell'incisivo centrale.
Ad oggi l'incisivo non è ancora sceso (si evidenzia una discesa molto lenta) e a questo punto il dentista ci propone di intervenire chirurgicamente e con l'installazione di un espansore palatale (quello con i due "piercing") al quale verrà agganciato "un braccetto" per la trazione dell'incisivo.
La questione dell'espansore sinceramente ci ha un po' spiazzati visto che da tutte le foto e radiografie fatte non si era mai evidenziato un palato stretto.
Anzi, la foto frontale, assai eloquente, mostra che lo spazio per la discesa del dente c'è.
Come ci consigliate di muoverci?
È venuta un po' meno la fiducia.
Che sia il caso di farci dare tutta la documentazione e mostrare il caso a un altro studio o dilatare il palato per far scendere un incisivo è la prassi?
Non esiste una soluzione più semplice e meno costosa?
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente la soluzione meno costosa è attendere, ma in questi casi lo studio del caso la fa da padrone, perché è solo questo studio che definisce il tipo d'intervento, se lo faccia rilasciare.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/