Utente
Salve, è dal 24 ottobre scorso che soffro a causa di questo dolore lancinante al dente.

Mi sono recata al PS odontostomatologico.

Diagnosi: carie secondaria di 2.7.
Sono stata medicata con eugenolo e plasor.

Mi hanno pulito il dente e messo una pasta che dopo due ore era già indurita.
Ma in questi giorni ho notato soprattutto dopo aver lavato i denti che la pasta in questione viene via a piccoli pezzettini, è una pasta che puzza e si sbriciola facendo pressione con le dita... In più certe volte accuso questo dolore lancinante che parte dal dente e arriva fino al cervello, tipo una scossa intermittente.

Sono tornata al PS e mi hanno detto che il reparto odontostomatologico è stato chiuso definitivamente in meno di una settimana.
Cosi sotto consiglio del farmacista ho acquistato la fialetta DR KNAPP che al primo uso mi ha addormentato la parte dolorante e ha come rivestito il dente con un film protettivo.

Due giorni dopo il dolore lancinante è tornato e la fialetta non ha fatto lo stesso effetto del primo utilizzo ma molto di meno.
Ho dovuto mettere il ghiaccio e prendere Oki.

Sono riuscita a prenotare la prima visita in poliambulatorio Asl venerdì... ho fatto la panoramica dentale così potrò richiedere successivamente un preventivo per i successivi lavori... Nel frattempo come devo comportarmi prima della visita?
Ho paura che si stacchi completamente la pasta temporanea che hanno messo e di sentire troppo dolore successivamente cosa dovrei fare in questo caso?

Inoltre in questi giorni, masticando sempre dal lato opposto sento una sensazione di schiacciamento verso le gengive... e mi sono accorta di non riuscire a parlare bene come prima.
Spero che non sia niente di grave ma in famiglia ci sono persone con problemi di piorrea.

[#1]  
Dr. Gianluca Pinzarrone

24% attività
8% attualità
4% socialità
AGRIGENTO (AG)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Gentile paziente,
il suo è quasi sicuramente un dente da devitalizzare.
E' improbabile che la pasta si stacchi tutta, completamente, generalmente rimane uno strato che comunque mantiene chiusa la cavità.
Per la sua condizione la piorrea non c'entra nulla.
Saluti
Dr. Gianluca Pinzarrone
Odontoiatra e Protesista Dentale
Master di II livello in Ortodonzia intercettiva
www.clinicadentalepinzarrone.it