Utente
Buongiorno,

sono una donna mastectomizzata sotto cura di enantone da quasi 4 anni associato ad arimidex in quanto tamoxifen mi ha provocato problemi di memoria. A causa di piccole perdite inizialmente scure che si sono protratte per circa 20 giorni, ho fatto le analisi del dosaggio ormonale con i seguenti risultati:
LH <0.1 mul/ml
FSH 4.0 mul/ml
E2 17 pg/ml

ho anche fatto un'ecografia vaginale che ha evidenziato una quasi atrofizzazione delle ovaie.
Bene mi trovo davanti a 2 discordanti responsi: un ginecologo sostiene che sono in menopausa mentre oncologo che lo sono solo grazie ad enantone.
E' corretto dire che non sono questi farmaci a farmi avere delle perdite? E' la prima volta che si verifica questo caso.
Aggiungo che per alcuni giorni avevo il seno dolorante e un po' di fastidio al ventre come se stessi preparando il ciclo.
Che ne pensate?


Grazie

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dal punto di vista pratico il problema non cambia : al momento della sospensione dell'enantone e dell'inibitore dell'aromatasi si potrà fare il punto della situazione per avere la conferma se Lei è in menopausa oppure no.L'oncologo ha le sue buone ragioni per sostenere questa ultima ipotesi.
Perdite ematiche (da verificare comunque con visita ginecologica ed eventuale eco transvaginale) e tensione mammaria possono essere un effetto secondario della terapia che sta praticando.
Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Dal punto di vista pratico il problema non cambia : al momento della sospensione dell'enantone e dell'inibitore dell'aromatasi si potrà fare il punto della situazione per avere la conferma se Lei è in menopausa oppure no.L'oncologo ha le sue buone ragioni per sostenere questa ultima ipotesi.
Perdite ematiche (da verificare comunque con visita ginecologica ed eventuale eco transvaginale) e tensione mammaria possono essere un effetto secondario della terapia che sta praticando.
Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com