Utente
Sarò breve.
Metà Marzo 2016, periodo di forte astenia, causa frescata, mi ritrovo con una tonsillite acuta e febbre (38 per un giorno).. non prendo niente, le difficoltà a deglutire e il dolore si attenuano nel tempo.
03/04 mi accorgo di avere in latero cervicale dx un linfonodo piuttosto gonfio, non dolente, morbido e mobile.
Lavoro in un centro diagnostico, il giorno dopo lo faccio vedere.
Il radiologo mi dice che non è uno ma due e sono reattivi (il più grande 14mm). Reattivi come altri che trova il laterocervicale sn e sottomabndibolari.
Nonostante questo entro in un tunnel ipocondriaco che mi porta in breve tempo ad un accesso al pronto soccorso e alla prescrizione di un ansiolitico da parte del medico.
Nel frattempo ho fatto due volte emocromo con formula, esame delle urine e test Igg e Igm per mononucleosi e citomegalovirus risultatando entrambi ma come infezione pregresse.
Mi tranquillizzo un pò.. 4 gg fa a seguito di due giorni con intenso vento al collo inizio a vedere il linfonodo laterocervicale dx dinuovo "gonfio" e teso.. nonostante non se ne sia mai andato.
Inizio a esplorarmi decine di volte le fossette sovraclaveari anche con discreta forza e dopo due giorni mi ritrovo con altri 4 linfonodi, 2 a dx e 2 a sn.
Ora, mi rendo conto che il problema non sono nel particolare i linfonodi ma sicuramente questo disturbo ansioso, ma la mia domanda è:
posso aver contribuito "massacrandomi" all'insorgenza di questi nuovi linfonodi?
Devo farli vedere essendo delle sedi di repere "pericolose"?
Grazie.

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sicuramente ha contribuito !
I linfonodi anche se reattivi persistono ingrossati anche per periodi lunghi.
Precauzionalmente farei solo un monitoraggio clinico (=visita) con il curante, ma nel frattempo però in attesa degli approfondimenti (per il momento solo controlli) non si rovini l'esistenza (^____^) cercando informazioni sulla rete su un tema così ansiogeno
Legga perchè dovrebbe staccare e le allego alcuni consulti, anche se richiesti su temi differenti, ma che hanno in comune...la cancerofobia.

https://www.medicitalia.it/consulti/oncologia-medica/273602-per-il-dott-catania.html

https://www.medicitalia.it/consulti/medicina-interna/485977-linfonodi-collo-gonfi.html

https://www.medicitalia.it/consulti/senologia/481804-retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni.html

https://www.medicitalia.it/consulti/oncologia-medica/501083-preoccupazione.html

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente
Salve dottore,
la ringrazio per la risposta. Lavorando in un centro diagnostico li ho fatti controllare dallo stesso radiologo dell'altra volta.
Dice trattarsi di linfonodi reattivi della catena bassa latero cervicale.
Mi ha chiesto se ho fatto emocromo con formula.. E data la situazione mi ha detto che potrebbe essere anche un'allergia. (io sono allergico al gatto.. E vivo con un gatto).
Ora sento una strana sensazione di calore sopra le clavicole con sr la pelle fosse più sensibile. Potrebbe essere dovuto alle continue palpazioni?
Posso state tranquillo e dimenticarmi dei linfonodi??
Grazie.

[#3]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le ho già scritto >>Precauzionalmente farei solo un monitoraggio clinico (=visita) con il curante >> e non ci penserei più.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com