Utente
Gent.mo Professore,
la contatto per un dubbio sul da farsi.
In breve le riassumo l'anamnesi di mia zia: nel 2007 si riscontra una lesione focale del pancreas in sede del corpo coda. Si decide di intervenire:carcinoma del pancreas uT2, uNO di 8.5x5.5x4. Si esegue chemioterapia secondo schema Gemcitabina 1,8,15 ogni 21. Dopo 2 mesi il marcatore comincia a risalire e da un'agobiopsia si scopre una metastasi epatica di adenocarcinoma di mm 13 compatibile con primitività pancreatica. Intensa immunoreattività completa di membrana per EGFR nel 40% delle cellule neoplastiche. Si effettua allora Kemioterapia con 2 cicli di XELODA (3500 mgtot), ma tollerato. Si sostituisce la terapia con GEMOX-->SD alla rivalutazione dopo 6 cicli, RP dopo 11 cicli. Da settembre 2008 kemio di mantenimento con capecitabina a dosaggio personalizzato (1500mg/totali die). Da novembre progressivo incremento del Ca 19.9.
A questo punto ci vengono prospettate 2 nuove vie: riprendere il trattamento con Gemcitabina associata ad altri farmaci (GEMOX) oppure entrare in un gruppo di trial clinico di fase I in cui si propone l'associazione di gemcitabina con L19-IL2.
Il dubbio è grande per cui ci stiamo chiedendo se vale la pena rischiare e aderire alla sperimentazione (vista la tossicità presente ad oggi nel corpo dopo un lungo ciclo di GEMOX) o se è meglio dirigerci verso le cure tradizionali.
Certa della suo prezioso aiuto le porgo Distinti saluti

[#1]  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

certamente si tratta di una situazione molto delicata. La scelta è molto personale e legata soprattutto alle condizioni generali della paziente. Concordate la strategia di concerto con i colleghi che seguono la paziente ed in base al vostro pensiero.

Un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
https://www.ipertermiaitalia.it/

[#2] dopo  
Utente
Gent.mo Dr. Pastore,

avremmo deciso di proseguire con le cure tradizionali e solo in caso di inefficacia passare alla sperimentazione.
Ci hanno però proposto, anzichè riprendere il GEMOX, di provare l'IRINOTECAN.
Cosa ne pensa a riguardo?

Grazie mille e distinti saluti