Utente 560XXX
Buongiorno, dopo i controlli mammografici sempre negativi (ultimo a marzo 2019), ad agosto mia moglie (44 ANNI - peso 70 kg altezza 1, 60 m) per dolori schiena e gamba (malgrado affetta da sclerosi multipla e insensibile all'arto per operazione ernia L4-L5) viene ricoverata in oncologia. Tutti gli esami del caso scoprono noduli di 15 e 8 mm:
1) ER 100% PgR 85%MIB1: 40% HR2 IHC score +1
2) ER 100% PgR 5% MIB1: 10% hr2 ihc SCORE +1

Multiple locazioni secondarie al rachide in particolare D5, L4, L5 piccolo versamento pleurico di 12mm e sospetta focalità di 9mm nel fegato.

Abbiamo iniziato con LETROZOLO e PALBOCICLIB il primo ciclo, in attesa di radioterapia palliativa a D5 e terapia zoledronica dopo estrazione 3 denti.
Vorrei capire se la strada è giusta, vorrei avere un vostro parere e qualche informazione in più, considerando che siamo consapevoli che la cura non esiste per ora, ma la speranza di cronicizzare la malattia si e speriamo di poterla ritenere anche tramite vostro parere qualcosa di assai concreto.
Grazie infinite.

MARCO sANTUARI

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' molto concreta questa speranza !
Se desidera un approfondimento
Le rispondero’ senz’altro, ma dovrebbe ripostare con il copia incolla sul link che le allego di seguito perche’ per comprendere meglio la mia replica potrebbe rendersi necessario allegare qualche immagine (qui non e’ consentito).
Questo e’ il link dove ripostare
https://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-8850.html

La pagina si aggiorna continuamente per l’arrivo di altri commenti. Se guarda in fondo alla pagina ,e se ha fatto il login, si apre una finestra dove potra’ postare il copia incolla.
Ripeta tra i dati eta’ ed esito di visite o esami strumentali e se ha una familiarita’ per tumore al seno ed ovaio.
Deve presentarsi (obbligatorio) con un nome anche di fantasia se lo desidera va benissimo.
Ripeto OBBIGATORIO presentarsi con un nome anche se di fantasia
L'ho invitata nel blog perche' potrebbero anche rassicurarla tante donne metastatiche vive e vegete dopo molti anni dalla scoperta della malattia e che hanno una vita del tutto normale.
L’aspettiamo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com