Utente 320XXX
Buongiorno,
A mia mamma è stata fatta biopsia su due linfonodi, uno in zona tiroide uno all inguine.
Entrambi hanno purtroppo mostrato che sono ingrossati (>4CM) e che sono pieni di cellule neoplastiche maligne (metastasi?) .


In attesa della diagnosi definitiva del oncologo, volevo chiedervi la gravità della situazione e la sopravvivenza media?


Mia madre 20 anni fa era stata colpita da melanoma alla gamba sx ma dopo intervento chirurgico era andato via (chemio non fatta).


La cosa che per me è strana è che 10 gg fa ha fatto una tac ma tutti gli organi erano risultati puliti e sani. Ovviamente risultano anche molti linfonodi ingrossati tutti su un lato del corpo. Collo sx, addome sx, inguine e zona pelvica a sx.

Per questo si era pensato ad un linfoma.
Invece adesso dopo biopsia è stato confermato altro.


Pareri?


Grazie mille

[#1]  
Dr. Giuseppe Buono

20% attività
20% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
SESSA AURUNCA (CE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Gentilissimo utente,
In assenza del risultato dell'esame istologico non è possibile effettuare una diagnosi differenziale né poter dare pareri in merito alla prognosi.
Ci aggiorni con maggiori dettagli quando ne verrà a conoscenza.
Restiamo a disposizione per eventuali consigli.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Buono
Dirigente Medico di I livello in Oncologia
Asl Caserta, P.O. Sessa Aurunca

[#2] dopo  
Utente 320XXX

Grazie della risposta dottore. Purtroppo il risultato della biopsia ci sarà tra 15 gg. Nel frattempo il fatto che cellule maligne abbiano contaminato due linfonodi lontani tra loro ma che gli organi sia ancora puliti che segnale è? Impossibile sbilanciarsi?
Grazie ancora

[#3]  
Dr. Giuseppe Buono

20% attività
20% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
SESSA AURUNCA (CE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
No, purtroppo al momento le notizie che abbiamo non ci consentono di dire altro. Il tipo di diffusione solo linfonodale (a quanto lei dice) potrebbe fare pensare ad una patologia ematologica, ma la conferma resta bioptica.
Nel frattempo potrebbe essere utile effettuare una Pet con FDG. Ne discuta con il suo oncologo di riferimento.
Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Buono
Dirigente Medico di I livello in Oncologia
Asl Caserta, P.O. Sessa Aurunca

[#4] dopo  
Utente 320XXX

L ematologo dopo gli aghi aspirati che evidenziavano cellule neoplastiche maligne aggressive in entrambi i linfonodi ci ha detto che non era più sua competenza e che il tutto passava nelle mani del oncologo. Per questo ci siamo molto agitati in quanto probabilmente fosse stato linfoma sarebbe stato più positivo. Ora dopo 2 aghi aspirati stiamo aspettando la biopsia dell intero linfonodo inguinale asportato visto che quello sul collo non era possibile asportarlo. Grazie ancora

[#5] dopo  
Utente 320XXX

Buongiorno,
oggi è arrivata la diagnosi dell'istologico. Localizzazione nodale di melanoma.
Dettaglio: Linfonodi con diffusa infiltrazione intrasinusale e parenchimale di neoplasia maligna a cellule epitelioidi di medio-grandi dimensioni a volte anaplastiche.
reazioni immunistochimiche positive per S100-S0X10, Melan A+/-, HMB45 -/+ e negative per CD1a CKAE1/3 CD20 CD3 MUM1 / CD138 ( + plasmacellule ).

Ora sono passati 2 mesi dai sintomi. E' prevista una prima visita oncologica. I linfonodi analizzati sono quelli piccoli dell'inguine (1,5 CM ), poi ripeto ha linfonodi grandi sul collo ( 3 cm ) e nell'addome ( 4 cm ) tutti sul lato sinistro. Il melanoma di 20 anni fa era sulla gamba sx all'altezza del ginocchio.

Attendo vostro sincero parere circa la gravità della situazione e se c'è possibilità di cura con chemio almeno per cronicizzare la malattia... grazie

[#6]  
Dr. Giuseppe Buono

20% attività
20% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
SESSA AURUNCA (CE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Gentilissimo utente,
A questo punto è necessario effettuare una stadiazione di malattia. Consiglio di effettuare una PET/TC con mdc, esami ematochimici basali comprensivi di emocromo, funzionalità epatica, funzionalità renale, elettroliti, LDH e, soprattutto, la valutazione sul pezzo operatorio dello stato mutazionale di BRAF ed NRAS.
Queste cose gliele consiglierà sicuramente anche l'oncologo a cui farà riferimento.
Per avere un quadro più chiaro è necessaria la stadiazione con gli esami che le ho detto. Comunque sono stati recentemente fatti passi enormi nel trattamento dei melanomi con anche possibilità di cronicizzazione della malattia. Non si usa chemioterapia, ma farmaci immunologici o terapie a bersaglio molecolare specifico, che hanno mostrato risultati molto importanti!
Si faccia forza.
Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Buono
Dirigente Medico di I livello in Oncologia
Asl Caserta, P.O. Sessa Aurunca

[#7] dopo  
Utente 320XXX

Dottore, grazie mille per la risposta.
Volevo solo chiederle una cosa a livello pratico: la ricerca BRAF e NRAS mi sembra di aver capito che va fatta sul linfonodo asportato. Se per questioni di tempo ci rivolgiamo ad una struttura diversa da quella che ha effettuato l'istologico secondo lei si riesce lo stesso a recuperare il primo istologico o per questioni di praticità è meglio aspettare la prima struttura e fare tutto con loro ?
Con la prima struttura abbiamo prenotato una prima visita tra 20 gg. Prima non c'erano date. La seconda struttura già oggi.

Ultima info ad Agosto 2019 già l'LDH era 380 ( valore normale 200 ) ma il medico di base non si era accorto...
Quando leggo LDH alti hanno prognosi peggiore, per alto cosa intendono ? il doppio o 5 volte maggiore ?

Grazie ancora

[#8] dopo  
Utente 320XXX

Nel frattempo avevo dimenticato di scrivere che ha gia fatto una TAC il 3 febbraio che ha evidenziato solo linfonodi ingrossati su collo addome e inguine ma organi vitali sani.

[#9]  
Dr. Giuseppe Buono

20% attività
20% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
SESSA AURUNCA (CE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Perfetto.
Il fatto che la malattia sia solo linfonodale è un buon fattore prognostico. Per LDH alto intendiamo valori più alti del suo e, comunque, viene considerato insieme ad altri parametri.
Per quanto riguarda la valutazione di BRAF ed NRAS, viene fatta sul pezzo operatorio (linfonodo asportato).
Da quello che mi dice potrebbe iniziare con immunoterapia in attesa dello stato mutazionale di BRAF. È fondamentale afferire presso centri ad elevata esperienza che, eventualmente, le possano offrire anche possibilità di arruolamento in studi clinici. Lì a Milano non vi mancano strutture importanti (Istituto Tumori, San Raffaele, IEO). Il mio consiglio è di affidarsi presso un grosso centro che le possa offrire il massimo possibile in termini di possibilità terapeutiche (per cui arruolamento in studi clinici) dal momento che per il melanoma esistono molti studi in corso.
Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Buono
Dirigente Medico di I livello in Oncologia
Asl Caserta, P.O. Sessa Aurunca

[#10] dopo  
Utente 320XXX

Purtroppo ( o per fortuna visto i tempi di coronavirus ) mia madre abita a Bari mentre io sono a Milano a gestire un po la situazione. La aggiornerò nel pomeriggio dopo la prima visita di oggi.

[#11] dopo  
Utente 320XXX

Dottore,
Visita fatta con l oncologo. Lunedi farà una nuova tac per capire la stadiazione della malattia e una visita dermatologica per capire se la malattia è collegata al melanoma di 20 anni fa o magari dipende da un altro neo.
Il medico però non ha parlato di braf in quanto il linfonodo è stato analizzato da un altro istituto ma credo voglia partire con immunoterapia. Poi vi aggiornerò con la terapia che ci consiglierà. Piuttosto volevo capire se dal 3 febbraio ad oggi ci sono alte possibilità che la malattia sia passata dai linfonodi ad altri organi... Perché il medico ha sconsigliato il cortisone e da ieri mia madre sta avendo dolori fortissimi alle spalle e alla schiena ed è talmente stanca che non riesce ad alzarsi dal letto. Sembra che stia peggiorando...

[#12] dopo  
Utente 320XXX

Buongiorno dottore,
la nuova tac di lunedi scorso ci è stato detto che è molto simile a quella di inizio Febbraio. Mia madre ha anche fatto una visita dermatologica ma non è risultato niente.
Oggi il medico che la cura ha avuto il referto della mutazione BRAF, non sappiamo ancora il risultato ma domani ha detto per telefono che potrà iniziare con dei farmaci da prendere.
Ma da quello che abbiamo capito si tratta di farmaci in pillole non flebo. Domani la aggiorno sulla terapia per avere un parere. Nel frattempo, è possibile che la terapia venga fatta solo con farmaci da prendere a casa ?

[#13] dopo  
Utente 320XXX

Un ultima domanda dottore abbastanza schietta : ma meglio l'immunoterapia o la terapia a bersaglio molecolare ( come potrebbe essere a mia Madre visto la cura a casa ) ?
Mia madre ormai è senza forze, negli ultimi giorni ( da quando il dottore le ha tolto la mezza pillola di cortisone che prendeva ) ha perso completamente tutte le forze, la fame, il linfonodo sul collo sta aumentando di volume. Secondo Lei ci possono essere speranze con la terapia ?

[#14]  
Dr. Giuseppe Buono

20% attività
20% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
SESSA AURUNCA (CE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2018
Gentilissimo,
se ha parlato di terapia domiciliare immagino vi sia una Mutazione di BRAF, essendo necessario accesso ospedaliero per il trattamento immunoterapico (terapia endovenosa). Al momento non vi sono studi di confronto diretti tra combinazione inibitori di BRAF/MEK versus immunoterapia. Ciò che si sa è che l'immunoterapia è più lenta nel dare un effetto, che però potrebbe essere più duraturo, mentre gli inibitori hanno una azione più rapida. Sono dunque preferiti qualora vi sia una sintomatologia importante. Nel periodo storico in cui ci troviamo, inoltre, c'è dibattito sull' utilizzo della immunoterapia, avendo come effetto collaterale la possibilità proprio di sviluppo di polmonite, per una iperattivazione del sistema immunitario. Considerando che, inoltre, è meglio afferire il meno possibile in ospedale per il pericolo di contagio da COVID-19, credo possa essere una scelta sensata quella di iniziare con questa terapia. Sono farmaci altamente efficaci, abbia fede e speriamo bene.
Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Buono
Dirigente Medico di I livello in Oncologia
Asl Caserta, P.O. Sessa Aurunca

[#15] dopo  
Utente 320XXX

Giusto per informarla.
terapia: Tafinlar 75mg 2 volte al giorno + Mekinist 2 mg 1 volta al giorno. Deltacortene al bisogno.

Nella tac è stata trovata una piccola lesione alla milza.

Rimane molto strana la recidiva del melanoma dopo 25 anni ma la situazione è questa. L'oncologo ha cercato di trasmettere ottimismo dicendo che il 90 % dei suoi pazienti hanno reagito bene a questi farmaci e che alcuni sono in vita dopo tanti anni e che solo un 10 % non ha reagito e ha cambiato terapia. Nella sfortuna ci ha detto che la stanchezza e il gonfissimo linfonodo al collo ci faranno capire subito se questa terapia farà effetto.

Speriamo bene.

Grazie per tutte le risposte fino ad ora. Spero di aggiornarla positivamente tra qualche settimana con la tac che farà a Giugno.

Buona giornata