Utente
Buongiorno, vi scrivo per un problema che mi porto dal 2014, ossia da quando ho notato di avere un linfonodo gonfio.
Per il mio medico curante non era nulla di che e mi fece fare solo analisi routine che non hanno dato valori alterati tranne che ho avuto mononucleosi.
Poiché avverto anche un dolore che pensavo fosse lo stomaco faccio gastroscopia che rileva ernia iatale e esofagite da reflusso oltre alla gastrite.
Durante l'esame il medico mi visita e afferma che ho diversi linfonodi gonfi e che sono "reattivi".
Poiché il dolore non passa faccio colonscopia che non rileva anomalie.
Durante l'esame ad un certo punto il medico ha avuto grosse difficoltà a girare e ho sentito molto dolore.
Lo scorso anno ho fatto analisi comprensivi di tiroide, prostata, fegato, pancreas con valori nella norma.
Premetto che sono magro e molto ansioso sto attraversando un periodo ricco di problemi che mi stressano molto al punto di non farmi riposare bene.
Fatta eco addome che non ha rilevato anomalie, ricerca sangue feci negativo.
La scorsa settimana ho fatto ecografia linfonodi collo che da come esito "reattivi".
Per il medico curante che mi conosce da anni sto somatizzando il forte stress e devo smettere di leggere su internet.
Secondo lui ho solo il colon irritabile e basta poiché da anni che ripeto analisi non è mai uscito un valore alterato (solo colesterolo basso causa alimentazione).
Sinceramente non so cosa credere, più penso a cosa posso avere più aumentano i brividi e la stanchezza.
Al mattino mi sveglio bene, poi la testa inizia a pensare e comincia il freddo, debolezza e il resto.
Grazie di eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Giuseppe Buono

20% attività
16% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)
SESSA AURUNCA (CE)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
Non vi sono segni clinici di sospetto da quello che riporta. La stanchezza, la debolezza ecc... possono essere anche sintomi legati al forte stress ed alla somatizzazione dello stesso, come disturbo di tipo ansioso-depressivo. Dal momento che le cause organiche sono state escluse, potrebbe essere utile affidarsi ad uno specialista psichiatra e psicoterapeuta che possa valutare se questo può essere la causa dei sintomi che riferisce.
Stia sereno.

Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Buono
Dirigente Medico di I livello in Oncologia
Asl Caserta, P.O. Sessa Aurunca

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno e la ringrazio della gentile risposta. Ultimamente, stranamente in concomitanza con gli ultimi avvenimenti che purtroppo sappiamo il dolore alla pancia e persistente. Per questo dolore feci gastro e colon che fortunatamente hanno dato esito negativo. Ho cambiato medico curante e il nuovo semplicemente tastando l'addome ha individuato il punto preciso che è per lui l'intestino. Quando lo ho e schiaccio addome sento molto rumori e spesso mi capita di emettere peti maleodoranti . Soffro di stitichezza ma ciò nonostante le feci spesso sono molli e lucide con presenza di muco. Per il curante si tratta semplicemente di colon irritabile ma il mio dubbio è il perché mi duole un punto specifico e perché si gonfia come a formare un bozzo. Bozzo che poi si riduce emettendo aria o andando al bagno (ho anche emorroidi diagnosticate da colonscopia oltre a ragadi). In passato sono stato in cura per depressione ,attacchi di ansia e bulimia. La ringrazio dell'attenzione mostratami.