Utente
Buongiorno,ho 33 anni e pratico motocross a livello regionale;nel corso di un allenamento sono caduto colpendo la spalla.Ho eseguito una risonanza magnetica e l'esito è il seguente:l'esame evidenzia una iniziale fibroartrosi acromion-claveare che oblitera il cuscinetto adiposo sovrastante la cuffia e determina una appena evidente compressione sul tratto mio tendineo del sovraspinoso,il cui tendine risulta nettamente ispessito e tendinosico ma comunque regolarmente inserito e privo di lesioni a tutto spessore;il ventre muscolare conserva regolare trofismo.Regolari le restanti strutture costituenti la cuffia dei rotatori,il tendine del sottoscapolare ed il CLB,quest'ultimo regolarmente alloggiato nella sua doccia anatomica.Iltrofismo schelestrico è conservato con rapporti articolari regolari.Il cercine fibrocartilagineo glenoideo è ben visibile in tutta la sua estensione senza alterazioni di morfologia o di inserzione sulla componente scheletrica.Sottile versamento della borsa subacromiale.
Aggiungo che provo una fitta nella completa estensione del braccio e quando nuoto negli stili che prevedono la rotazione della spalla.
Ringrazio anticipatamente per l'eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Umberto Donati

40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
FORLI' (FC)
ZOLA PREDOSA (BO)
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
MONTE SAN PIETRO (BO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Il referto della RMN descrive in sostanza un'artrosi dell'acromion-claveare che crea un modesto conflitto sul tendine del sovraspinato, che mostra segni di reazione.
La RMN tuttavia acquista significato dolo se rapportato con i disturbi che lamenta e i segni clinici che possono emergere da una visita specialistica ortopedica anche grazie a manovre specifiche per le varie strutture della spalla. E' possibile che il quadro RMN sia conseguenza dei ripetuti microtraumi cui è esposto per lo sport che pratica. Penso che sia utile una valutazione da parte di un ortopedico esperto in Chirurgia della spalla, ad esempio presso l'Unità di Chirurgia della Spalla del M.Adelaide di Torino ( http://www.cto.to.it/reparti/cto/spalla/index.shtml ) per decidere un trattamento che limiti il peggioramento nel tempo di questa situazione.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it