Utente
Desidero avere un consulto riguardante il dolore che ho alla spalla dx, faccio nuoto 2 volte la settimana e faccio fatica a fare certi movimenti, ho fatto la risonanza magnetica che dice:

artrosi discreta acromion claveare impronta il muscolo sovraspinato;
conservato il restante spazio sottoacrominale;
normali i rapporti articolari scapolo omerali, non versamenti;
regolari segnale osseo midollare e trofismo muscolare;
tendine capolungo bicipite ben posizionato;
calcificazioni nel tendine sovraspinato, per il resto cuffia conservata.

Grazie
Daniele

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Nulla di grave,
potrebbe , e sottolineo il condizionale, trattarsi di una cosiddetta Sindrome da Conflitto Sottoacromiale in cui la ristrettezza dello spazio fisico tra l'acromion (parte della scapola) e la testa dell'omero che puo' determinare la insoergenza di una tendinite del sovraspinoso.
Se confermata tale ipotesi la cura e' innanzitutto volta alla cura della infiammazione del tendine (ghiaccio locale, cerotti antiinfiammatori, laserterapia e tecarterapia) e successivamente mirata al rinforzo muscolare selettivo dei rotatori interni ed esterni della spalla al fine di prevenirne una recidiva.
Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO

[#2] dopo  
Utente
grazie dott. della risposta.
Allora posso continuare con la piscina, solo che non faccio bene i movimenti soprattutto a dorso. E per sicurezza allora dovrei rivolgermi ad un ortopedico?
La tecarterapia cosa sarebbe/
Grazie ancora, saluti
Daniele

[#3]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
NO.
Non countinuerei con la piscina!
sospensione per 3 mesi.
Diagnosi corretta dopo visita specialistica che mi sento di consigliarle.
Se la diagnosi corrispondera' con la ipotesi diagnostica da me formulata allora potra' partire con la terapia specifica.
Saluti.
Dr. Roberto LEO