Utente
Gentili Dottori,

Da 6 anni vado in palestra in modo molto discontinuo, ed ho sempre notato una certa asimmetria nello lo sviluppo muscolare dei pettorali: il pettorale sinistro cresce in maniera regolare, mentre il pettorale destro rimane carente soprattutto verso la parte esterna e quella bassa.
Al contrario delle braccia, dove aumenta soprattutto la massa muscolare del braccio destro rispetto a quella del sinistro.

L'istruttore ha sempre pensato che fosse un problema di "esecuzione degli esercizi", e consiglia di utilizzare le macchine piuttosto che i pesi liberi.

Mi sono reso conto che, durante gli esercizi per i pettorali, tendo a portare in avanti la spalla destra finendo per far partecipare il braccio destro nell'esecuzione dell'esercizio. Al termine della sessione, il pettorale sinistro ed il braccio destro sono "stanchi", mentre pettorale destro e braccio sinitro solo in parte.

A fine luglio, durante delle "alzate laterali a busto flesso", ho avvertito un forte dolore all'interno della scapola destra e da allora ho interrotto gli allenamenti in palestra; inoltre, ultimamente, ho un fastidio continuo alla spalla destra (come se avvertissi la necessità di "rimetterla in sede").

Il medico di base e poi un fisiatra hanno escluso un eventuale atteggiamento scoliotico e qualsiasi altro problema alla spalla.

L'ortopedico, invece, dopo aver controllato la mobilità della spalla ha notato una certa "lassità" e mi ha consigliato di effettuare una risonanza magnetica alla spalla destra.

Adesso ho ritirato il referto della R.M.:

Il tratto distale del tendine del sovraspinoso presenta segnale disomogeneo e alterato in rapporto a tendinosi preinserzionale, peraltro di modica entità.
Non si apprezzano evidenti alterazioni morfostrutturali o di segnale a carico degli altri componenti muscolo-tendinei della cuffia dei rotatori.
Capo lungo del bicipite in sede, normale per calibro e segnale. Integro il cercine glenoideo. Assenza di versamento intraarticolare ed a carico delle borse paraarticolari.
Non si reilevano, infine, evidenti aree di alterato segnale a carico dei segmenti scheletrici esaminati.

Conto di tornare dall'ortopedico al più presto, nel frattempo, gradirei avere una Vostra opinione su questa mia situazione e se, secondo Voi, c'è correlazione tra quanto evidenziato dalla R.M. e la asimmetria che noto nello sviluppo dei pettorali.

Vi ringrazio in anticipo per le eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Umberto Donati

40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
FORLI' (FC)
ZOLA PREDOSA (BO)
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
MONTE SAN PIETRO (BO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
E' possibile che fra le varie cause che possono determinare l'asimmetria che riferisce possa esserci anche il problema della spalla, che potrebbe condizionare l'esecuzione del movimento, ma per stabilirlo bisogna averLa visitata.
Le consiglio pertanto di sottoporsi a visita specialistica presso un ortopedico che si occupi di Patologie della Spalla. Non so quali siano le possibilità di Cosenza. A Reggio Calabria può rivolgersi alla Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia Azienda Ospedaliera BMM – Reggio Calabria (Direttore dr. Topa), in alternativa chieda al Suo medico curante a chi rivolgersi
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it