Utente
Buon giorno

Ho 51 anni peso 100 kg faccio attività sportiva a livello amatoriale (pallanuoto) . dopo un allenamento, senza aver avuto traumi, ho iniziato ad avere un forte dolore al ginocchio destro. dopo un mese il dolore al ginocchio è molto diminuito ma c'è sempre. ho deciso di fare una risonanza e qui di seguito Vi quoto il referto del radiologo.
Vorrei solo sapere se secondo Voi è necessario intervenire chirurgicamente . Vi ringrazio e saluto cordialmente


Menisco mediale di regolare morfologia, spessore lievemente ridotto ed alterata intensità di segnale fibrocartilaginea per fenomeni degenerativi più evidenti nel corpo e corno posteriore con estrusione periferica del corpo meniscale e ridotta ampiezza della rima femoro-tibiale interna; presenza di sottilissima rima iperintensa di sospetto carattere microfissurativo estesa al bordo libero del passaggio corpo-corno posteriore meniscale da ricontrollare a distanza; ampia area di alterato segnale della corticospongiosa tibiale mediale come per fenomeni disreattivi edemigeni ossei associata ad ispessimento capsulare anteromediale; modico versamento endoarticolare per sinovite reattiva e lieve ispessimento dei setti con alterato segnale del corpo adiposo di Hoffa di carattere flogistico; coesiste falda fluida di borsite prepatellare ed edema dei tessuti molli prerotulei.
Menisco esterno di regolare morfologia, spessore nei limiti e normale intensità di segnale.
Il legamento crociato anteriore, il legamento crociato posteriore, i legamenti collaterali, le strutture tendinee presentano regolare morfologia, spessore ed intensità di segnale.
Al grado di estensione di esecuzione dell’esame rotula in asse. Non lesioni osteocondrosiche focali

[#1]  
Dr. Antonio Mattei

40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Secondo il referto della risonanza magnetica si tratta di una meniscopatia da trattare chirurgicamente. Sarebbe quindi consigliata un'artroscopia al più presto. Naturalmente l'artroscopia deve essere preceduta da un'attenta valutazione ortopedica.
Cordiali saluti
Antonio Mattei