Utente
Buon pomeriggio,
dopo essermi infortunato durante una partita di calcio, ho eseguito una risonanza magnetica al ginocchio sinistro e quello che riporto di seguito è il referto:

Indagine eseguita con tecnica SE, GE e STIR con sezioni orientate sul piano assiale, coronale e sagittale.
Si rileva rottura della metà prossimale del legamento collaterale mediale, marcatamente ispessito ed ematoso.
Normalemnte rappresentati i legamenti crociati, anteriore e posteriore, ed il legamento collaterale esterno.
Non si rilevano alterazioni morfostrutturali a carico dei menischi.
Non si apprezzano alterazioni di intensità di segnale da rapportare a lesioni traumatiche a carico delle componenti ossee del ginocchio.
Piccola area di verosimilmente displasia fibrosa in sede sovra metafisaria distale del femore, posteriormente.

Il legamento una volta rotto parzialmente, può risaldarsi? In questi casi è consigliabile un intervento chirurgico?
Mi è stato consigliata una terapia con 10 applicazioni di laser Co2 abbianta a piscina e bicicletta per rinforzare la muscolatura, è il tipo di riabilitazione giusta? E' possibile riprendere l'attività agonistica dopo la riabilitazione?
Ringrazio per la cortese attenzione.
Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, sulla base dlela RMn che lei ha posto alla nostra attenzione emerge sostanzialmente una lesione del legamento colalterale interno mentre i legamentio crociati sembrerebbero integri.
Ovvimente la conferma di quanto sopra e' corretto che giunga non da un consulto on-line, ove non si puo' procedere ad una visita clinica diretta, ma la conferma deve giungere da una visita clinica reale cui le consiglio di sottoporsi.
Se la lesione anzidetta fosse confermata il legamento ha un ottimo potenziale di cicatrizzazione e, se ben curato con il riposo, guarisce bene.
Le terapie di supporto hanno il senso di ridurre l'infiammazione e accelerare lievemente i tempi di recupero.
Corrette le terapie prescritte.
I tempi di recupero sono in funzione della gravita' della situazione clinica.
Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO