Utente
Egr. Dottori di Medicitalia, sono l’utente 75703, di anni 57. Il 5 marzo2011 sono scivolato, riportando una frattura cefalo-tuberositaria con interessamento del collo chirurgico omero sx (referto del pronto soccorso dopo rx). Referto del reparto di ortoprdia dopo aver visionato le radiografie del pronto soccorso(frattura cefalo-tuberositaria omero sx). Sono stato dimesso dall’ospedale il 10 marzo con bendaggio Gilchrist. Terapia a domicilio Nedema 2cp al dì per 7 giorni + tachipirina al bisogno.
Vorrei chiedervi:
1. Se i due referti, quello del pronto soccorso e quello del reparto di ortopedia sono in pratica la stessa cosa.
2. In un primo momento i medici avevano optato per la gessatura con un 1kg di trazione, ma perchè soffro da qualche anno di prurito urente alle braccia e bruciore sotto le ascelle, con pelle integra, pensando che non avrei sopportato la gessatura, hanno optato per il bendaggio Gilchrist. In pratica con il bendaggio Gilchrist si ottengono gli stessi risultati della gessatura con 1Kg di trazione?
3. A Casa, sia perché il bendaggio tende ad allentarsi sia perché in alcuni momenti avverto in maniera esasperante i sintomi di cui al punto 2, alcune volte ho tolto il bendaggio, avendo cura di non muovere la parte superiore del braccio. Tutto questo ha potuto provocare ulteriori danni? Dovrei ripetere delle radiografie, confrontandole con le precedenti?
4. Posso, per lavarmi o per mettere delle pomate per alleviare la sintomatologia di cui al punto 2, togliermi, con molta attenzione a non muovere il braccio superiore, il bendaggio Gilchrist?
5. Più o meno quanto tempo occorre per questo tipo di fratture avvertire dei miglioramenti? Visto che fino ad ora non ho ho notato apprezzabili miglioramenti.



Cordiali saluti

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Egr. signore difficile dire molto nello specifico senza una valutazione diretta delle radiografie e senza un esame clinico della sua spalla.
Comunque la diagnosi è identica nelal sostanza, inoltre se i colleghi ortopedici non hanno reputato necessario un intervento chirugico, si vede che la frattura è composta, in asse, come si dice in gergo.
Ma l'immobilizzazione dovrebbe essere valida, ben continente e portata costantemente per almeno 25-30 gg.
Si faccia ricontrollare dall'ortopedico che la segue, visto che lei si è tolto inopportunamente il bendaggio alla Gilchrist.
Che miglioramenti avrebbe voluto vedere in appena 10 gg.?
Non ne ha parlato con l'ortopedico che la segue?
Ne parli!
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dott. Caruso per la risposta. Vorrei solo far presente che il bendaggio alla Gilchrist non mi sembra molto continente, in quanto sono costretto, più volte a risistemarlo. Poi tolto il dolore della fase acuta, la situazione sembrava andar per il verso giusto, ma da alcuni giorni i dolori si sono fatti più intensi. Inoltre al dolore nel punto di frattura, avverto dolore al gomito e al polso,dovuta molto probabilmente al tipo di immobilizzazione. Non vorrei che questo tipo di bendaggio non vada bene per il mio caso,anche perchè ho notato che quando ho tolto il bendaggio per i fastidi che provavo e ho disteso l'avambraccio i dolori si erano calmati. Non avendo un ortopedico che mi segue , devo prenotare un consulto tramite cup, per cui vorrei chiederle se è più conveniente presentarsi alla visita con delle nuove radiografie per confrontarle con le precedenti fatte al momento della immobilizzazione. Inoltre, stamattina, quando con l'altra mano ho sfiorato i polpastrelli delle dita del braccio fratturato ho avvertito un leggero fastidio. Visto che i tempi di attesa della visita non saranno a breve termine, sono preuccupato che nel frattempo la situazione peggiori.

Cordiali saluti e grazie per il servizio che ci offrite