Utente
Buongiorno,
Mi chiamo Roberto Puccio e sono una persona di 41 anni (7/10/1966) residente a Catanzaro a cui è stata diagnosticata
circa un anno e mezzo fa una grave coxoartrosi all'anca destra con inevitabile nel tempo intervento di protesi.
Sotto consiglio medico ho smesso subito di fare attività sportiva nociva (tennis e calcio) cercando però di mantenere un peso per quanto possibile basso e facendo come sport solo bicicletta:
La mia domanda è questa:
Il momento di intervenire è dato solo dalla sopportabilità del dolore e dalle limitazioni fisiche oppure occorre tenere sempre sotto controllo con delle radiografie la parte per evitare che il deteriorarsi della stessa possa influire negativamente sulla futura operazione?
Un'attività ciclamatoriale con la bicicletta (200/300 Km alla settimana) può accellerare il problema?
Ringrazio anticipatamente per le risposte.

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Egr. sig. Roberto, certamente in un'età così giovane come la sua non è opportuno una protesizzazione dell'anca, a meno che non sia assolutamente obbligatoria, o si renda necessaria per una marcata limitazione funzionale!!!
Ma certamente, più si può procrastinare un tale intervento meglio è, cercando di far usurare meno possibile la testa femorale, facendo terapia fisiochinesica adeguata, kinesi funzionale, evitando carichi eccessivi e monitorizzando la patologia con un controllo clinico e radiografico ogni anno.
Qualsiasi movimento dell'anca senza carico al suolo fa bene : nuoto, ciclismo, ginnastica da posizione supina ecc. ecc.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo//Fisiatra
Messina
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2]  
Dr. Simone Cigni

28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
In presenza di diagnosi certa il momento dell'intervento sarà deciso in base ai sintomi dolorosi e alla limitazione funzionale. La sua personale valutazione soggettiva è la base della decisione.
La mobilizzazione dell'anca è utile ma va sempre eseguita evitando l'insorgere del dolore.
Saluti
Dr Simone Cigni