Utente
Buongiorno, chiedo consulto per mio fratello, da circa un anno dolore persistente alla gamba sinistra, ha fatto una visita presso il Rizzoli di Bagheria (PA) ed hanno consigliato una RMN coxo-femorale di cui vi scrivo il referto.

RM COXO FEMORALE SINISTRA
Tecnica: Indagine eseguita in tecnica SE e STIR nei tre piani dello spazio in diverse pesature.

Referto: Nella norma i rapporti coxofemorali bilateralmente.
La testa femorale sinistra presente morfologia lievemente ovalizzata, nel suo contesto si riconosce stria di alterato segnale ipointensa in T1, che nel suo terzo superiore presenta andamento sostanzialmente orizzontale; si associa inoltre diffusa alterazione di segnale iperintensa in T2 e STIR in corrispondenza della testa e del collo femorale.
Il quadro descritto depone in prima ipotesi per necrosi avascolare della testa del femore cui si associa abbondante quota di versamento articolare. A livello della testa femorale sinistra si osserva inoltre areaola iperintensa in T2 di verosimile significato similgeodico.
A destra, in corrispondenza della testa femorale, si osserva ulteriore stria ipointensa in T1 a decorso orizzontale, verosimilmente come da iniziale quadro di necrosi avascolare.

Che ne pensate di questo esame? Non si prospetta niente di buono, vero?

[#1]  
Dr. Emanuele Caldarella

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
PAVIA (PV)
PARMA (PR)
PIACENZA (PC)
COMO (CO)
MARCALLO CON CASONE (MI)
RHO (MI)
CIGLIANO (VC)
MATERA (MT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Caro utente,

la necrosi della testa del femore è una patologia che può avere molte cause, parecchie delle quali sconosciute. La prima cosa importante da capire è se a sinistra siamo ancora di fronte ad una sofferenza della testa o se sia una necrosi vera e propria: in quest'ultimo caso, purtroppo, il processo è irreversibile, e dovrà essere trattato (senza urgenza) con l'impianto di una protesi dell'anca. Se invece la sinistra può essere salvata, bisognerà tentare di farlo. La terapia prevede essenzialmente lo SCARICO, con una adeguata profilassi antitromboembolica, la magnetoterapia, ed i bifisfonati OPPURE le onde d'urto ad alta energia (di queste ultime due terapie l'una esclude l'altra, non sono compatibili tra loro).
E' anche importante cercare di capire se la necrosi è davvero idiopatica (cause sconosciute) oppure se si intravvedono delle plausibili cause, in modo che possano essere rimosse per evitare che il problema, una volta risolto, si ripresenti.

Quanti anni ha Suo fratello?

Distinti saluti
Dr. Emanuele Caldarella

Chirurgia dell'anca e del ginocchio
emanuele.caldarella@medicitalia.it